Borsa di Commercio Pinault Collection

Parigi.it by Cuma Travel s.r.l.

Bourse de Commerce — Pinault Collection © Tadao Ando Architect & Associates, Niney et Marca Architectes, Agence Pierre-Antoine Gatier

Un nuovo museo di arte contemporanea della collezione Pinault

Tra le grandi novità del panorama culturale parigino del post pandemia, vi sarà l'inaugurazione della Bourse de Commerce Pinault Collection, il tanto atteso museo di arte contemporanea della collezione Pinault, che aprirà le sue porte al 2 rue de Viarmes, nel quartiere di Les Halles, all'interno dell’ex Borsa di Commercio di Parigi (da non confondere con la Borsa di Parigi Palais Brongniart, in Place de la Bourse).

La Bourse de Commerce de Paris diventerà quindi un grande museo consacrato all’arte contemporanea, sede permanente a Parigi della collezione di François Pinault, imprenditore multimiliardario francese - con un patrimonio stimato di circa 27 miliardi di dollari, secondo la rivista Forbes 2020 -  e fondatore della holding Artemis e di PPR, oggi gruppo Kering, che comprende brand di lusso come Gucci e Yves Saint Laurent. 

François Pinault è anche uno dei maggiori collezionisti d’arte contemporanea al mondo. La sua collezione personale vanta più di 10.000 opere ed è costituita da pitture, sculture, fotografie e video appartenenti ai movimenti dell’Arte Povera, del Minimalismo, del Post-Minimalismo e della Pop-Art. Queste opere sono presentate nel corso di mostre temporanee internazionali ed esposte nelle due prestigiose sedi permanenti di Palazzo Grassi e Punta della Dogana a Venezia. La Bourse de Commerce sarà dunque la terza sede permanente della sua collezione.

“Grazie all’apertura di un nuova sede della mia collezione alla Bourse de Commerce, nel cuore di Parigi”, ha dichiarato François Pinault, “un nuovo passo è stato fatto nella realizzazione del mio progetto culturale: condividere la mia passione per l’arte del mio tempo col più gran numero di persone possibile”.

 La Bourse de Commerce presenterà un’esposizione permanente di arte contemporanea della Collezione Pinault su una superficie espositiva di 6.800 metri quadrati e sarà organizzata in sezioni tematiche e monografiche, con focus dedicati anche ai più grandi artisti della collezione. 

Ospiterà inoltre mostre temporanee, nuove produzioni, spazi dedicati ad una ricca programmazione culturale ed educativa, e un auditorium sotterraneo di 284 posti che accoglierà conferenze, incontri, proiezioni, concerti, spettacoli, performance e eventi di varia natura.

Un ristorante gastronomico affidato ai rinomati chef Michel et Sébastien Bras, sarà infine installato al terzo piano del palazzo, offrendo così una vista all'interno dell'edificio trasformato dall'architetto Tadao Ando, ​​ma anche, all'esterno, sulla chiesa di Saint-Eustache, sul Canopée des Halles e, oltre, sulla torre Saint-Jacques e sui tetti di Parigi. Il ristorante-caffetteria si chiamerà "Halle aux grains" (Borsa del grano), ricordando così la funzione principale dell'edificio nel XVIII secolo.

© photo Vladimir Partalo, extérieur, mars 2020

La Bourse du Commerce di Parigi, dalla residenza di Caterina de' Medici al restauro di Tadao Ando

La storia della Borsa di Commercio di Parigi ha inizio nel XVI secolo. In questo sito sorgeva la residenza di Caterina de’ Medici, di cui l'unica traccia sopravvissuta ad oggi è la Colonna Médicis alta 31 metri e incorporata nella costruzione dei successivi edifici.
Dopo la demolizione della residenza, l'edificio si trasformò a più riprese a seconda degli usi e delle trasformazioni urbane del quartiere di Les Halles. Un nuovo edificio fu costruito a partire dal 1763 come Borsa del grano “Halle aux grains” e nel 1885 venne sottoposto a degli importanti rifacimenti a cura dell’architetto francese Henri Blondel, che inglobarono alcuni edifici circostanti e a cui si deve l'aspetto attuale.

Il comune di Parigi, storico proprietario dell'immobile, vendette l'edificio alla Camera di commercio di Parigi nel 1946 per la cifra simbolica di un franco francese. Il palazzo è stato dichiarato monumento nazionale nel 1975 e le contrattazioni vi hanno avuto luogo fino al 1998. Infine, nel 2016, durante una conferenza stampa del sindaco di Parigi, Anne Hidalgo, e dell'imprenditore François Pinault, viene annunciato il nuovo progetto di museo di arte contemporanea della Collection Pinault, la cui gestione viene affidata per cinquant’anni alla société Bourse de Commerce, azienda controllata della holding finanzaria di Pinault.

Con la nuova sede di Parigi, la Collezione Pinault rafforza la sua rete di spazi culturali permanenti, e come per Venezia, anche questa volta l’architetto scelto da Pinault per il restauro del palazzo del XVI secolo e la sua conversione in museo,  è stato Tadao Ando, archistar giapponese tra i più noti sulla scena internazionale.

In particolare, gli interventi si sono concentrati sulla facciata, sulle coperture, sulla grande cupola, sulle decorazioni e sulle vetrate. I vecchi elementi sono stati restaurati e l'architetto ha progettato un sorprendente cilindro di nove metri che si erge sotto la cupola. "Una composizione che stabilisce un dialogo vivo tra il nuovo e il vecchio, creando uno spazio pieno di vita come dovrebbe essere un luogo dedicato all'arte contemporanea ", afferma l’architetto Tadao Ando, che ha operato nel restauro con la collaborazione dello studio di architetti - Nem - Niney & Marca Architectes, degli ingegneri SETEC Bâtiment e dell’architetto Pierre-Antoine Gatier, capo dei Monuments Historiques de France.

Presentato come un grande progetto internazionale, il museo avrebbe dovuto aprire alla fine del 2018 per permettere ai visitatori di scoprire la "collezione eccezionale" di arte di François Pinault.  A causa dei ritardi dovuti ai lavori e all'emergenza da Covid-19, le porte del museo restano ancora chiuse. L'apertura ne è però solo rinviata, in attesa di misure meno restrittive.
Bourse de Commerce — Pinault Collection © Tadao Ando Architect & Associates, Niney et Marca Architectes, Agence Pierre-Antoine Gatier © Photo Vladimir Partalo

Photo Gallery

Bourse de Commerce — Pinault Collection © Tadao Ando Architect & Associates, Niney et Marca Architectes, Agence Pierre-Antoine Gatier © Photo Vladimir Partalo - Marc Domage - Patrick Tourneboeuf

Info pratiche

Indirizzo2 Rue de Viarmes, 75001 Paris
Orari e giorni di aperturand
Biglietto d'ingressond
MetroChatelet - Les Halles - Palais Royal Musée du Louvre - Etienne Marcel
RERChatelet - Les Halles

Leggi anche