Eventi in Dicembre 2022

S. Faric via flickr.com

DICEMBRE 2022 A PARIGI

La città di Parigi è magica sempre, ma ti assicuriamo che la sua magia diventa ancor più intensa nel mese di Dicembre in occasione del Natale. In questo periodo dell'anno la capitale francese brilla di luce propria e si anima a festa grazie ai bellissimi mercatini di Natale sparsi per la città, gli Champs-Élysées illuminati e l’immancabile shopping natalizio nei negozi e nei Grandi Magazzini le Galeries Lafayette.

Scopri tutti gli eventi nel mese di Dicembre 2022 a Parigi, natalizi e non solo! Consulta la nostra selezione con i principali eventi che si svolgeranno nella città di Parigi questo Natale.

Natale a Parigi

Durante le feste natalizie Parigi brilla e abbaglia.

Il mese di dicembre e le vacanze di Natale sono il periodo ideale per scoprire la capitale francese durante la sua stagione più suggestiva. Un viaggio scintillante che vi lascerà senza parole! Non a caso Parigi è ribattezzata la Ville Lumière con un appuntamento annuale che vede le luci natalizie illuminare tutta la città da metà novembre fino ai primi di gennaio.

Le luminarie di Parigi assumono molteplici forme: dalle sfarzose illuminazioni natalizie sugli Champs-Élysées alle scintillanti decorazioni in oltre 150 strade e decine di quartieri in tutta la città dagli Champs-Elysées a Montmartre senza dimenticare il Boulevard Saint-Germain, l'Avenue des Gobelins, la Place du Marché Sainte-Catherine e il Bercy Village.

Tappa immancabile se state per visitare Parigi a Natale, specialmente se volete dedicarvi allo shopping natalizio, sono le elaborate creazioni nelle vetrine dei grandi magazzini parigini come quelle delle famose Galeries Lafayette Haussmann. Qui, oltre agli spettacolari addobbi a festa, l’appuntamento è con il gigantesco albero di Natale. Quest’anno il tema del Natale è "Pianeta Albero" (Planet Sapin). Le decorazioni natalizie alle Galeries Lafayette di Parigi avranno luogo dal 16 novembre al 31 dicembre 2022.

Per gli amanti dei mercatini natalizi, a Parigi sono tanti e deliziosi i mercatini di Natale installati ogni anno da fine novembre a fine dicembre in prossimità dei principali monumenti della città: da sotto alla Tour Eiffel al quartiere della Défense.

Per un tipo completamente diverso di esperienza natalizia potete fare un giro sulla Grande Roue, la grande ruota panoramica - che è stata trasferita da Place de la Concorde ai giardini delle Tuileries - e godere di una vista magnifica sulla capitale, o ancora fare una crociera serale sulla Senna per ammirare le suggestive illuminazioni di edifici e monumenti storici parigini durante una cena gourmet oppure sorseggiando Champagne.

Un altro appuntamento da non perdere è il Natale al Castello di Vaux-le-Vicomte, situato a Maincy a 55 km a sud-est di Parigi e ideale per una gita fuori porta. Durante le festività natalizie il castello si veste a festa tra decorazioni, giardini illuminati e un meraviglioso albero di Natale alto 8 metri sotto al quale ogni bambino troverà un regalo!

Parigi.it by Cuma Travel s.r.l.

NATALE A VAUX-LE-VICOMTE

Che Natale sarebbe senza un gigantesco albero colmo di regali da scartare?
I bambini sono sempre stati stupiti dai giocattoli trovati ai piedi dell'albero. Se stai per visitare Parigi con la tua famiglia non puoi non visitare il Castello di Vaux-le-Vicomte che durante le festività del Natale si trasforma con scenari da favola che sapranno stupire grandi e piccini. E qui, tra addobbi natalizi e un’atmosfera magica si trova il meraviglioso albero di Natale alto 8 metri sotto al quale ogni bambino troverà un regalo!

Il Castello di Vaux-le-Vicomte è situato a Maincy a 55 km a sud-est di Parigi. 

Attenzione! L'evento sarà disponibile solo su prenotazione: si consiglia di acquistare il biglietto in anticipo per assicurarsi la disponibilità nella fascia oraria prescelta.

Maggiori Info: https://vaux-le-vicomte.com/

IL MAGICO NATALE DISNEY A DISNEYLAND PARIS

fino all’8 gennaio 2023

Anche quest'anno torna l'appuntamento con il Magico Natale Disney a Disneyland® Paris, che per l'occasione sarà più splendente che mai! Ad attendere i visitatori una meravigliosa ambientazione con i Personaggi Disney che passeggiano sorridenti per le strade addobbate a festa e un grandissimo albero di Natale ad illuminare il cielo. E si potrà persino incontrare ed abbracciare Babbo Natale in persona! Non resta che lasciarsi travolgere dalla magnifica atmosfera delle festività natalizie che inonda Disneyland® Paris durante questi giorni. Da non perdere la Parata Disney di Natale, la sfilata natalizia più allegra e gioiosa che ci sia. Topolino, Minnie, Paperino, Pippo, Woody e Buzz Lightyear sfileranno lungo Main Street U.S.A. su fantastici carri addobbati mentre bastoncini di zucchero, omini di pan di zenzero e altre dolci sorprese natalizie sfileranno danzanti dando vita ad un Natale pieno di magia.

Maggiori Info: https://www.disneylandparis.com/it-it/le-stagioni/natale-a-disneyland-paris/

L’EXPÉDITION PLANÈTE SAPIN ALLE GALERIES LAFAYETTE

fino al 23 dicembre 2022 (magazzino principale Coupole)

Le Galeries Lafayette offrono un'esperienza immersiva senza precedenti, unendo tecnologia e poesia visiva per rendere omaggio al simbolo più importante del Natale: il re delle foreste.

Quest'anno i grandi magazzini parigini celebrano l'albero di Natale e invitano la scrittrice Claire Castillon a immaginare una nuova storia: Planète Sapin (Pianeta Albero).
Illustrato da Florent Chavout, racconta la storia di Nordmann, un residente di Elato, inviato sulla Terra per salvare il Natale della piccola Annie...

In questa occasione, le Galeries Lafayette stanno creando un luogo senza tempo per dare vita al racconto. Scopri le magiche avventure di Nordmann e Annie grazie a videoproiezioni reattive che si evolvono in base ai movimenti. Lo spazio richiama i sensi grazie a un'atmosfera visiva e sonora ispirata al lavoro dell'illustratore e del romanziere.

L'esperienza "Expédition Planète Sapin" ha un costo di 5€ e va prenotata qui https://haussmann.galerieslafayette.com/events/expedition-planete-sapin/

ALTRI EVENTI A DISNEYLAND PARIS

SERATA DI CAPODANNO DISNEY

31 dicembre 2022 (dalle 20:30 alle 2 del mattino)

Non c'è niente di più magico che trascorrere la notte di San Silvestro a Disneyland® Paris: l'atmosfera è davvero incantevole e coinvolgente. Topolino e i suoi amici ti aspettano per festeggiare il nuovo anno con tantissime sorprese da non perdere. Goditi le attrazioni aperte fino a tardi per l'occasione e lasciati sorprendere dal meraviglioso spettacolo pirotecnico allo scoccare della mezzanotte, che quest'anno promette di essere più scenografico che mai, con straordinari effetti di luce proiettati sul Castello della Bella Addormentata. Con tante animazioni, l’apertura eccezionale di alcune attrazioni in orario notturno e uno straordinario spettacolo pirotecnico, ci sono tutti gli ingredienti per una notte memorabile.

Attenzione! I biglietti per la Serata di Capodanno Disney sono venduti separatamente. L'accesso alla Serata di Capodanno non è incluso nel biglietto per i Parchi o in un pacchetto Hotel+Biglietti.

Maggiori info: https://www.disneylandparis.com/it-it/eventi/capodanno/

30° ANNIVERSARIO DI DISNEYLAND PARIS

Il 2022 per Disneyland Paris è un anno molto importante: l'avventura parigina di Topolino compie 30 anni. Era il 12 aprile 1992 quando il parco divertimenti apriva le porte al pubblico per la prima volta. Tre decenni dopo, è diventata la prima destinazione turistica in Europa con circa 15 milioni di visitatori all'anno. E ora si prepara a spegnere le candeline alla grande con un programma ricco di sorprese, esperienze incredibili e nuovi fantastici spettacoli pieni di allegria.

Tra le moltissime novità che vi aspettano si segnalano: il nuovo show diurno Dream... and Shine Brighter; lo scenografico pre-show notturno Disney D-light che combina effetti speciali mozzafiato e celebri brani Disney; una nuova epica area del parco a tema Avengers; e Gardens of Wonder, 10 meravigliosi giardini a tema con sculture uniche di Principesse e Cattivi Disney che danno vita a un mondo di magia. Per l'occasione sono stati anche creati esclusivi souvenir e nuove specialità Disneyliziose. Le celebrazioni andranno avanti per tutto il 2022.

L’anniversario è il momento perfetto per scoprire, o riscoprire, ciò che rende così magico Disneyland Paris: lasciatevi meravigliare dallo strabiliante spettacolo notturno Disney Illuminations, assistete alla grandiosa parata Disney Stars on Parade, sperimentate le leggendarie attrazioni che da 30 anni emozionano grandi e bambini, condividete un momento speciale con i Personaggi Disney e ammirate l'incantevole Castello della Bella Addormentata, più favoloso che mai dopo la recente ristrutturazione.

Topolino e i suoi amici non vedono l'ora di mostrarvi i loro nuovi sfavillanti outfit. Preparatevi a vivere un’esperienza indimenticabile!

Maggiori info: https://www.disneylandparis.com/it-it/eventi/30-anniversario/

ESPOSIZIONI DA NON PERDERE A PARIGI NEL MESE DI DICEMBRE

GABRIELLE CHANEL. MANIFESTE DE MODE AL PALAIS GALLIERA

MOSTRA FRIDA KAHLO AL PALAIS GALLIERA

fino al 5 marzo 2023

Il Palais Galliera dedica una grande mostra alla regina dell'arte messicana Frida Kahlo (1907-1954), una delle artiste più famose e influenti del XX secolo. L'esposizione, allontanandosi dai luoghi comuni associati alla sua personalità, invita il pubblico ad entrare nell'universo, nell'intimità e nella vita dell'artista attraverso oltre 200 oggetti provenienti da Casa Azul, la casa in cui Frida è nata e cresciuta: abiti, accessori, fotografie, lettere, cosmetici, medicinali, corsetti, protesi dipinte a mano... Questi effetti personali furono suggellati quando la pittrice morì nel 1954 dal marito, il pittore messicano Diego Rivera, e riscoperti solo cinquant'anni dopo, nel 2004. La mostra ripercorre il tortuoso cammino che ha portato l'artista a consolidare la sua poetica, superando apparenze e cliché.

Maggiori info: https://www.palaisgalliera.paris.fr/fr/expositions/frida-kahlo-au-dela-des-apparences

MOSTRA GOLD AL MUSÉE YVES SAINT LAURENT

fino al 14 maggio 2023

Il 2022 è un anno importante per Yves Saint Laurent perché ricorre il 60° anniversario della sua prima sfilata e il 5° anniversario del Musée Yves Saint Laurent Paris. Per celebrare al meglio queste due importanti ricorrenze è stata organizzata una grande ed imperdibile mostra che esplora l'uso dell'oro da parte dello stilista francese. Lo stesso couturier scriveva: "Oro, perché offre la purezza e la corrente dell'acqua di sorgente, modellando il corpo fino a che non è altro che una linea". Una vera passione, quasi un'ossessione, quella di Yves Saint Laurent per il prezioso metallo. L'esposizione presenta 40 abiti di alta moda e prêt-à-porter, oltre ad una selezione di accessori, oggetti e gioielli. Dai bottoni sui suoi iconici cappotti agli abiti interamente dorati, tutto racconta la fascinazione di Yves Saint Laurent per questo colore, che è stato fonte di ispirazione artistica per tutta la sua carriera.

Maggiori info: https://museeyslparis.com/expositions/gold

Mostre al Louvre

LES CHOSES
fino al 23 gennaio 2023

La mostra "Les choses. Une histoire de la nature morte depuis la Préhistoire" celebra la grande esposizione dedicata alla natura morta dall'antichità al XX secolo organizzata nel 1952 a Parigi dallo storico dell'arte polacco Charles Sterling, ma integrando tutto quel che ha rinnovato le nostre prospettive, sia riguardo l'arte antica e contemporanea, sia riguardo letteratura, poesia, filosofia, archeologia, botanica ed ecologia. A lungo screditato, il genere della natura morta viene riconsiderato a favore del nostro crescente attaccamento alle cose e ragionando sulle nuove relazioni che si stabiliscono tra mondo vivente e non vivente.

Maggiori info: https://www.louvre.fr/en-ce-moment/expositions/les-choses

DESSINS BOLONAIS DU 16E SIÈCLE DANS LES COLLECTIONS DU LOUVRE
fino al 16 gennaio 2023

La mostra accompagna la pubblicazione del volume XII dell'Inventaire général des dessins italiens, dedicato ai disegni bolognesi del XVI secolo presenti nelle collezioni del Louvre. L'esposizione presenta disegni eseguiti da artisti originari della città di Bologna, o bolognesi d'adozione, attivi prima dell'arrivo dei Carracci. I visitatori possono ammirare una selezione di quarantaquattro fogli che permettono di scoprire l'evoluzione del disegno bolognese nel corso del Cinquecento mettendo in luce figure artistiche di rilievo accanto ad altre talvolta rimaste nell'ombra, ma che contribuirono comunque alla creazione di nuovi stili e linguaggi. Prima ancora di essere una mostra, è un ideale racconto di Bologna, della sua storia, della sua cultura e dei suoi tesori.

Maggiori info: https://www.louvre.fr/en-ce-moment/expositions/dessins-bolonais-du-16e-siecle-dans-les-collections-du-louvre

SPLENDEURS DES OASIS D’OUZBÉKISTAN
fino al 6 marzo 2023

La mostra conduce il visitatore in un affascinante viaggio in Uzbekistan, nel cuore dell'Asia centrale. Viene presentata un'ampia selezione di capolavori, appositamente restaurati, che non hanno mai lasciato il paese come i dipinti murali della Sala degli Ambasciatori a Samarcanda, le pagine di uno dei più antichi Corani del mondo, i tesori in oro della Battriana (Dalverzin Tepe) e le opere cinquecentesche della famosa scuola di Boukhara. L'esposizione, grazie a prestiti eccezionali dall'Uzbekistan e dai principali musei europei, riunisce quasi 130 opere che invitano a intraprendere un viaggio nello spazio ma anche nel tempo. Il visitatore viene coinvolto in un racconto lungo diciassette secoli che fa luce sul perché questa regione ai confini della Cina e dell'India abbia saputo affascinare Alessandro Magno e i califfi di Baghdad.

Maggiori info: https://www.louvre.fr/en-ce-moment/expositions/splendeurs-des-oasis-d-ouzbekistan-0

Prenota qui la tua visita salta-fila al Museo del Louvre!

Best-seller

Biglietto ingresso prioritario Museo del Louvre

Acquista il tuo biglietto Louvre salta-fila e risparmia tempo prezioso a Parigi! E' un biglietto digitale, non è necessario stamparlo ma potrai esibire il codice a barre dal tuo smartphone. Si tratta di un biglietto datato ad orario, valido per l'ingresso di 1 giorno alle collezioni permanenti e temporanee (eccetto grandi mostre) del Louvre e del museo Eugène-Delacroix. 

da 19,90€Acquista ora!
Offerta specialeBest-seller

Louvre visita guidata dei principali capolavori con ingresso prioritario

Ideale per chi visita per la prima volta il Louvre, museo straordinario ma vastissimo, e desidera essere guidato in italiano ai suoi più celebri capolavori. Uno dei tour più apprezzati, per la qualtà della visita in piccoli o medi gruppi, l'ottimo rapporto qualità prezzo e l'accesso preferenziale salta-coda in biglietteria.

da 65,00€ da 59,00€Prenota ora!
Mostre al Museo d'Orsay di Parigi

Mostre al Musée d'Orsay

EDVARD MUNCH
fino al 22 gennaio 2023

Al Musée d'Orsay è in programma una straordinaria mostra, in collaborazione con il Munch-Museet di Oslo, dedicata al grande pittore norvegese Edvard Munch (1863-1944), la cui opera, nella sua ampiezza e complessità, rimane ancora oggi in parte sconosciuta.

L'artista, che è stato uno dei primi e più significativi esponenti della pittura espressionista europea, è noto principalmente per i suoi dipinti ma usò nel corso della sua vita artistica tecniche diverse: fu infatti innovativo nelle arti grafiche e amava sperimentare la fotografia e l'arte cinematografica. L'esposizione presenta più di cento opere tra dipinti, disegni, stampe e incisioni, che riflettono la diversità della sua pratica. Questa presentazione, che abbraccia l'intera carriera di Munch, invita il visitatore a rivedere l'opera del pittore norvegese nel suo insieme, seguendo il filo di un pensiero pittorico sempre fantasioso.

Maggiori info: https://www.musee-orsay.fr/fr/expositions/edvard-munch-un-poeme-de-vie-damour-et-de-mort-201180

ROSA BONHEUR
fino al 15 gennaio 2023

In occasione del bicentenario della nascita della celebre pittrice francese Rosa Bonheur (1822-1899), il Musée d'Orsay ha organizzato, in collaborazione con il Musée des Beaux-Arts di Bordeaux, una grande retrospettiva che ripercorre le tappe fondamentali della sua carriera e della sua vita. Figura di spicco del femminismo e del movimento realista, Rosa Bonheur amava dipingere la natura e gli animali, soggetto che predilesse per tutta la vita. Tra le sue opere più famose c'è il dipinto "Labourage nivernais" esposto proprio al Musée d'Orsay, che raffigura la prima aratura che viene effettuata all'inizio dell'autunno. La mostra invita il pubblico a (ri)scoprire la potenza e la ricchezza del suo lavoro attraverso una selezione di circa 200 opere (dipinti, arti grafiche, sculture, fotografie) provenienti da prestigiose collezioni pubbliche e private in Europa e negli Stati Uniti. L'esposizione svela aspetti poco esplorati, anche sconosciuti, della sua vita.

Maggiori info: https://www.musee-orsay.fr/fr/agenda/expositions/rosa-bonheur-1822-1899

MOSTRA SAM SZAFRAN AL MUSÉE DE L'ORANGERIE

fino al 16 gennaio 2023

L'artista francese Sam Szafran (1934-2019), celebre per gli acquerelli e i pastelli dall'incredibile ricchezza cromatica che spaziano dalle nature morte ai paesaggi e alle tante varietà di piante e fiori, occupa un posto importante nella storia dell'arte del XX secolo. Dedicò il suo lavoro ad un approccio figurativo e poetico-onirico alla realtà che sviluppò lontano dal mondo dell'arte e dalle sue mode, nell'isolamento del suo studio. Un'infanzia particolarmente difficile, segnata dai disastri della seconda guerra mondiale in una famiglia di origine ebraico-polacca, lo portò a prediligere questa solitudine, concentrandosi su soggetti intimi e personali che evocavano la sua stessa esistenza. Tre anni dopo la sua morte, il Musée de l'Orangerie rende omaggio a questo artista risolutamente atipico con una mostra che ne ripercorre l'intera carriera.

Maggiori info: https://www.musee-orangerie.fr/fr/expositions/sam-szafran-201178

Acquista ora il tuo biglietto online!

Biglietto d'ingresso al Museo Orsay

Non perderti i capolavori impressionisti dello straordinario Museo Orsay e le sue interessanti mostre temporanee d'eccezione. Biglietto digitale, non è necessario stamparlo ma potrai mostrarlo dal tuo smartphone. Valido per una visita alle collezioni permanenti e alle mostre. Accedi dall'ingresso prioritario per visitatori già muniti di biglietto.

da 15,90€Acquista ora!

Biglietto Museo dell'Orangerie

Non perderti i capolavori impressionisti dello straordinario Museo dell'Orangerie. Biglietto digitale, consente di accedere dall'ingresso dedicato ai visitatori con biglietto (saltando la fila in biglietteria) e la visita delle collezioni permanenti e alle mostre temporanee* del museo. Non è necessario stamparlo ma potrai esibire il codice a barre dal tuo smartphone. 

da 10,50€Acquista ora!
Best-seller

Biglietto cumulativo Museo d'Orsay e Museo dell'Orangerie

Scopri i due straordinari musei di Parigi che racchiudono le opere più celebri degli impressionisti francesi: dai capolavori di Van Gogh, Gaugin e Renoir a Orsay alle spettacolari ninfee di Monet all'Orangerie. Biglietto digitale salta-fila, non è necessario stamparlo ma potrai mostrarlo dal tuo smartphone. E' valido per un ingresso alle collezioni permanenti e alle mostre*.

da 19,90€Acquista ora!

Mostre al MAD

SHOCKING! LES MONDES SURRÉALISTES D’ELSA SCHIAPARELLI
fino al 22 gennaio 2023

Il Musée des Arts Décoratifs ospita una grande retrospettiva dedicata alla leggendaria e rivoluzionaria stilista Elsa Schiaparelli (1890-1973). Cresciuta in un ambiente umanista e accademico, ha abbracciato la moda non negando mai il suo profondo fascino per l'arte. Ed è proprio in questo dialogo tra arte e moda che si colloca l'esposizione. Elsa Schiaparelli ha segnato un'epoca con le sue invenzioni, dal rosa shocking alle illusioni ottiche fino alle collaborazioni con gli artisti delle avanguardie. Ha fatto della moda un parco giochi in cui reinventare le donne tanto quanto la femminilità, il fascino oltre che lo spirito. In mostra modelli, disegni e gioielli, molti dei quali donati dalla stessa stilista all'Union Française des Arts du Costume - UFAC, di cui il Musée des Arts Décoratifs detiene i fondi.

Maggiori info: https://madparis.fr/ExpoSchiaparelli

ANNÉES 80. MODE, DESIGN, GRAPHISME EN FRANCE
fino al 16 aprile 2023

Gli anni '80 hanno risuonato in Francia come un punto di svolta artistico ma anche politico, dall'elezione di François Mitterrand nel 1981 alla caduta del muro di Berlino nel 1989. Dopo il boom economico dei gloriosi anni Trenta, gli anni '80 hanno visto l'emergere di una nuova generazione di creatori che ha influenzato moda, design e grafica in un contesto favorevole alla libertà di espressione. Il mobile non ha più solo una vocazione sociale posta sotto la dualità "forma e funzione", come definito dai pionieri del modernismo, ma diventa "significato, forma e funzione". La moda è segnata dalla diffusione del prêt-à-porter, che interessa l'intera società e sostituisce lo status di couturier con quello di stilista. Il look non è più appannaggio delle tendenze stagionali ma diventa espressione di un linguaggio personale. Nel campo della pubblicità e della grafica invece gli anni '80 segnano l'inizio della comunicazione visiva globale. La mostra ripercorre le tappe di un decennio irripetibile in cui la Francia ha vissuto il suo massimo splendore, nell'era contemporanea, a livello di creatività.

Maggiori info: https://madparis.fr/Annees-80-Mode-design-graphisme-en-France

ETIENNE + ROBIAL. GRAPHISME & COLLECTION, DE FUTUROPOLIS À CANAL+
fino all'11 giugno 2023

Editore, grafico, direttore artistico e insegnante, Étienne Robial è senza dubbio uno dei creatori che, dagli anni '80, ha avuto il maggior impatto nel panorama francese della comunicazione visiva. Fondatore dello studio di produzione On/Off, ha progettato il design audiovisivo di CANAL+ e M6, ha disegnato il logo del Théâtre Marigny e ha realizzato i layout di numerose riviste come Métal Hurlant, Télérama e L'Équipe. Robial ha anche co-fondato negli anni '70 la casa editrice Futuropolis, che ha avuto un'influenza duratura sul panorama dei fumetti francesi. Il suo universo grafico si basa su tre pilastri: forme, colori e alfabeti. Questi tre fondamenti, che insegna ai suoi studenti, sono al centro della sua immensa collezione di libri e oggetti che comprende sia pezzi di design che strumenti utilizzati dai grafici prima dell'avvento del digitale. La mostra vuole creare un dialogo tra i suoi progetti grafici e i pezzi della sua collezione, svelandone le fonti e le influenze.

Maggiori info: https://madparis.fr/Etienne-Robial-Graphisme-collection-de-Futuropolis-a-Canal

MOSTRA FÜSSLI AL MUSÉE JACQUEMART-ANDRÉ

fino al 23 gennaio 2023

Il Musée Jacquemart-André dedica una grande mostra al pittore britannico di origine svizzera Johann Heinrich Füssli (1741-1825). L'esposizione, attraverso una sessantina di opere provenienti da collezioni pubbliche e private, esplora i temi più emblematici della sua opera. Füssli poneva al centro della propria arte l'immaginazione, riuscendo a creare immagini di una rara potenza espressiva ed irripetibili per il loro aspetto kafkiano e onirico.

Come ha affermato lo storico dell'arte Giuliano Briganti, ha incarnato "l'aspetto ambiguo di una rivoluzione psicologica, riflesso nell'arte dei macroscopici mutamenti dell'assetto socio-economico europeo e di una ancora confusa reazione alle certezze del razionalismo illuministico". La mostra offre una panoramica della carriera di Füssli, mettendo in luce la diversità delle sue fonti di ispirazione, in particolare quelle letterarie.

Maggiori info: https://www.musee-jacquemart-andre.com/fr/fussli-entre-reve-et-fantastique

© Culturespaces / S. Lloyd

Mostre all'Atelier des Lumieres

CEZANNE, LUMIÈRES DE PROVENCE
fino al 2 gennaio 2023

Dopo le esposizioni dedicate a Dalí e a Gaudí, l'Ateliers des Lumières, il primo centro di arte digitale e immersiva della capitale francese, ospita la mostra "Cézanne, Lumières de Provence", uno straordinario viaggio nell'universo del pittore francese, seguendo il fil rouge della natura.

Considerato uno degli esponenti principali del postimpressionismo, pose le basi per l'arte del XX secolo influenzando le successive generazioni di artisti con la sua tecnica pittorica. Attraverso un percorso tematico, intimo e introspettivo, la mostra rivela la forza delle sue creazioni, il suo rapporto con la luce e i colori e il suo legame con la natura. La mostra è a cura di Gianfranco Iannuzzi, pioniere nella creazione di installazioni artistiche immersive.

Maggiori info: https://www.atelier-lumieres.com/fr/cezanne-lumieres-provence

KANDINSKY, L'ODYSSÈE DE L'ABSTRAIT
fino al 2 gennaio 2023

Parallelamente all'esposizione dedicata a Cézanne, l’Ateliers des Lumières ospita anche la mostra immersiva "Kandinsky. L'odyssée de l'abstrait". Considerato uno dei padri dell'astrattismo, Kandinsky non dipingeva per rappresentare la realtà ma piuttosto per dare sfogo alle sue emozioni più intime, attraverso colori e forme. La mostra si articola in due parti: la prima evoca gli esordi figurativi dell'artista russo, di chiaro influsso impressionista; mentre la seconda rivela la forza del movimento e il ritmo delle forme e dei colori. L’esposizione, caratterizzata da un'intensa esplosione cromatica, offre un'immersione sensoriale nell'universo interiore di Kandinsky.

Maggiori info: https://www.atelier-lumieres.com/fr/kandinsky

Mostre al Centre Pompidou

ALICE NEEL
fino al 16 gennaio 2023

Figura di spicco dell'arte nordamericana, Alice Neel (1900-1984) non ha mai smesso di dipingere persone emarginate. Ignorata durante la sua vita, questa straordinaria pittrice è oggi elogiata per la grande acutezza con cui ha ritratto i diversi strati della società americana. È sempre andata contro le avanguardie del tempo e rimasta fedele ad una personalissima figurazione in cui esprimeva la sua vicinanza agli oppressi, ai sofferenti, ai discriminati, alle donne e alle madri, ai bambini, agli attivisti e alle attiviste dei diritti civili, bianchi, neri e latini, alla comunità gay, lesbica e trans. La mostra invita a riscoprire il suo lavoro attraverso due grandi temi: la lotta di classe e la lotta tra i sessi. In totale sono esposte circa 75 opere, tra dipinti e disegni.

Maggiori info: https://www.centrepompidou.fr/fr/programme/agenda/evenement/JonpUmK

GÉRARD GAROUSTE
fino al 2 gennaio 2023

L'esposizione ripercorre la carriera di Gérard Garouste (nato a Parigi nel 1946), artista tra i più significativi della scena artistica francese contemporanea. La mostra presenta circa 120 dipinti di Garouste, per lo più di grande formato, ma anche molte sue installazioni, sculture e opere grafiche. Tanti pezzi che giocano volontariamente sulle deformazioni, mutilazioni e ricomposizioni della figura, della storia dell'arte e delle grandi storie (mitologiche, letterarie e religiose).

Maggiori info: https://www.centrepompidou.fr/fr/programme/expositions-musee

GIUSEPPE PENONE DESSINS
fino al 6 marzo 2023

Famoso come scultore legato al movimento artistico dell'Arte Povera, Giuseppe Penone (nato nel 1947 a Garessio, in provincia di Cuneo) ha comunque sempre disegnato. La mostra presenta 241 disegni della cospicua donazione fatta dall'artista italiano al Musée National d'Art Moderne nel 2020, oltre a sei sculture. L’esposizione illustra le diverse fasi del processo creativo dell'artista così come il suo approccio al lavoro seriale.

Maggiori info: https://www.centrepompidou.fr/fr/programme/expositions-musee#586

CHRISTIAN MARCLAY
fino al 27 febbraio 2023

Il Centre Pompidou dedica un'inedita retrospettiva al lavoro del visual artist e compositore americano Christian Marclay (nato nel 1955 in California). Erede di John Cage e Andy Warhol, Marclay è da considerarsi un virtuoso della tecnica del collage tra media diversi. Si appropria di oggetti, immagini e suoni preesistenti e li manipola per realizzare le proprie opere. Come ha affermato lo stesso artista: "Ho sempre usato oggetti, immagini e suoni di recupero; li univo nei collage e cercavo di creare qualcosa di nuovo e diverso con ciò che avevo a disposizione. Essere originale in tutto e per tutto e partire da zero mi è sempre sembrato inutile".

Maggiori info: https://www.centrepompidou.fr/fr/programme/expositions-musee#586

DÉCADRAGE COLONIAL
fino al 27 marzo 2023

"Non visitare la mostra coloniale": nel 1931, in reazione all'apertura dell'Exposition Coloniale Internationale a Vincennes, i membri del gruppo surrealista denunciarono la politica imperialista della Francia. La mostra si propone di riprendere questo singolare capitolo e gli immaginari visivi generati all'epoca dalla fotografia nella stampa e nell'editoria: fascino pseudoscientifico per le cosiddette "culture altre", feticizzazione ed erotizzazione dei corpi neri, partecipazione al rinnovamento dell'etnografia e contributo allo sviluppo di una nuova immagine della nazione.

Maggiori info: https://www.centrepompidou.fr/fr/programme/expositions-musee#586

EVIDENCE
fino al 23 gennaio 2023

"Evidence" è un montaggio audio-visivo che trae ispirazione dalle opere di tre emblematici poeti francesi: Antonin Artaud, Arthur Rimbaud e René Daumal. La composizione è il punto di partenza di questa mostra multidisciplinare che il Soundwalk Collective e Patti Smith hanno appositamente progettato per il Centre Pompidou. "Evidence" accosta fotografie, testi e opere originali della musicista e poetessa americana a paesaggi sonori e musicali registrati dal collettivo di musica sperimentale fondato da Stephan Crasneanscki nel 2000 a New York. Ispirandosi alle varie tracce dei viaggi compiuti dai tre poeti (scritti, foto, oggetti, suoni, ecc.), la mostra si propone come una ricerca poetica e immersiva, una riflessione contemporanea sull'infinito e l'universale.

Maggiori info: https://www.centrepompidou.fr/fr/programme/agenda/evenement/1v0Iy51

MOSTRA ALGUES MARINES ALL'AQUARIUM TROPICAL

fino all’8 gennaio 2023

Cibo, fertilizzanti, cosmetici, salute … le alghe sono presenti nella nostra vita quotidiana da migliaia di anni. Eppure le loro proprietà sono ancora sconosciute alla maggior parte delle persone. Con questa mostra, l'Aquarium Tropical vuole svelare, oltre che le proprietà sorprendenti e gli innumerevoli usi di queste piante acquatiche, anche la loro incredibile diversità e il ruolo che svolgono per garantire il mantenimento della biodiversità. Grazie a moduli interattivi e sensoriali, i visitatori possono mettere alla prova la loro conoscenza delle alghe marine e comprenderne la straordinaria eterogeneità. Infine, la mostra mette in evidenza la fragilità di queste piante di fronte alle molteplici minacce, principalmente umane, a cui sono soggette.

Maggiori info: https://www.palais-portedoree.fr/en/expositions-et-programmation

MOSTRA PARIS ET NULLE PART AILLEURS AL MUSÉE NATIONAL DE L'HISTORIE DE L'IMMIGRATION

fino al 22 gennaio 2023

La mostra immerge il pubblico negli anni effervescenti del dopoguerra, che dal 1945 al 1972 vide emergere nuove visioni artistiche nel campo dell'astrazione, della figurazione e dell'arte cinetica. Nella prima metà del XX secolo Parigi è stata la capitale mondiale delle arti, la patria delle avanguardie in cui si riversavano artisti e intellettuali di tutto il mondo.

Dopo la seconda guerra mondiale, nonostante l'attrattiva sempre più forte di New York, era ancora Parigi il luogo dove gli artisti dovevano andare per formare, creare, esporre e confrontare il proprio lavoro con quello degli altri. Dei 15.000 artisti attivi nella capitale francese in quel periodo, dal 60 al 65% erano stranieri. La mostra si interessa di 24 artisti di diverse origini (Europa, Africa, America Latina, Stati Uniti, Asia) giunti a Parigi e il cui lavoro permette di comprendere le sfide della migrazione.

Maggiori info: https://www.histoire-immigration.fr/programmation/expositions/paris-et-nulle-part-ailleurs

Mostre al Musée de l'Homme

LEKHA SINGH - LES FEMMES PORTENT LE MONDE
fino al 2 gennaio 2023

Ogni giorno milioni di donne trasportano bambini, legna, acqua, cibo, mattoni o montagne di cotone per chilometri e chilometri. Ognuna, a suo modo, porta una parte del mondo. Nella mostra al Musée de l'Homme la fotografa Lekha Singh rende omaggio a queste donne straordinarie con una serie di potenti immagini che le rappresentano in tutta la loro forza e coraggio. Lekha Singh è un'artista visiva americana che gode di un meritato riconoscimento internazionale. Ha avuto l'opportunità di viaggiare per il mondo e di trarre ispirazione artistica dai suoi viaggi. Le sue foto sono state presentate da istituzioni prestigiose e pubblicate in vari libri come "The Other Side of War, Women’s Stories of Survival & Hope", in cui le donne occupano un posto centrale.

Maggiori info: https://www.museedelhomme.fr/fr/programme/expositions-galerie-lhomme/lekha-singh-femmes-portent-monde-4388

ARTS ET PRÉHISTOIRE
fino al 22 maggio 2023

L'esposizione "Arts et Préhistoire" offre l'opportunità di scoprire innumerevoli capolavori dell'arte preistorica provenienti da tutto il mondo, ripercorrendo "la forza della creatività umana fin dalla notte dei tempi". La mostra presenta più di 90 pezzi originali risalenti al periodo preistorico, oltre a centinaia di immagini digitali di dipinti e incisioni. Opere emblematiche delle collezioni del Muséum national d'Histoire naturelle come la Venere di Lespugue (una delle più famose rappresentazioni femminili dell'arte preistorica), la Venere impudica di Laugerie-Basse e il mammut de La Madeleine si affiancano a prestiti eccezionali come la Venere di Laussel. Si scoprono inoltre siti affascinanti come quello di Sulawesi, nel Borneo, dove sono stati recentemente scoperti alcuni dei più antichi dipinti figurativi conosciuti (risalenti a 45.000 anni fa).

Maggiori info: https://www.museedelhomme.fr/fr/exposition-evenement/arts-et-prehistoire

MOSTRA RÊVE D’EGYPTE AL MUSÉE RODIN

fino al 5 marzo 2023

Per la prima volta il Musée Rodin ospita una mostra che analizza il rapporto di Auguste Rodin con l'arte egizia. Tra il 1893 e il 1917 lo scultore raccolse nella sua villa di Meudon circa un migliaio di oggetti egizi, che mescolò alle sculture del suo studio. "Rêve d’Egypte" riunisce oltre 400 di questi oggetti, tutti restaurati per l'occasione, che testimoniano la grande passione dell'artista per l'Egitto.

I pezzi mostrano l'influenza dell'arte e della cultura egiziana sull'opera dello scultore: il suo modo di rappresentare i corpi, nelle linee, nelle forme e nei soggetti. L'esposizione presenta anche scrittori, artisti, antiquari ed egittologi che guidarono Rodin verso l'Egitto nutrendolo di fonti visive, storie o oggetti.

Maggiori info: https://www.musee-rodin.fr/musee/expositions/reve-degypte

Mostre al Musée Picasso

NOUVEAUX CHEFS D’ŒUVRE. LA DATION MAYA RUIZ-PICASSO
fino al 31 dicembre 2022

Fin dalla sua creazione, il Musée Picasso si è arricchito grazie a donazioni, la maggior parte delle quali provenienti direttamente dalle botteghe dell'artista. L'esposizione celebra l'ingresso nelle collezioni nazionali di nove capolavori donati nel 2021 dalla figlia Maya Ruiz-Picasso: sei dipinti, una scultura, un quaderno di schizzi e un'opera etnografica che ha avuto un ruolo di primo piano nella storia dell'arte.

Organizzato cronologicamente, il percorso espositivo ruota attorno a questi capolavori ed offre un fruttuoso dialogo tra arte extra-occidentale, arte antica e arte moderna attraverso una serie di opere di Picasso, pezzi della sua collezione e una selezione di pregevoli prestiti.

Maggiori info: https://www.museepicassoparis.fr/fr/nouveaux-chefs-doeuvre-la-dation-maya-ruiz-picasso

MAYA RUIZ-PICASSO, FILLE DE PABLO
fino al 31 dicembre 2022

María de la Concepción, soprannominata Maya, è nata il 5 settembre 1935 ed è la prima figlia di Pablo Picasso, frutto del suo amore appassionato per Marie-Thérèse Walter. La mostra propone una rilettura di parte della sua opera concentrandosi sul rapporto che l'artista aveva con la figlia. Un eccezionale set di ritratti dedicati alla bambina, oltre ad un'importante selezione di sculture, opere grafiche, fotografie e documenti d'archivio raccontano questa parte intima della storia familiare di Picasso. La mostra sottolinea la complicità che unisce padre e figlia e il modo in cui la presenza di Maya ha alimentato e amplificato il fascino dell'artista per l'infanzia.

Maggiori info: https://www.museepicassoparis.fr/fr/maya-ruiz-picasso-fille-de-pablo

FARAH ATASSI. ARTISTE ET MODÈLE
fino al 29 gennaio 2023

Farah Atassi (classe 1981) è di origine siriana, di nazionalità belga e dal 2003 vive e lavora in Francia. L'artista opera una reinterpretazione della modernità puntando alla comunicazione universale. Utilizza il linguaggio formale creato dai moderni (Pablo Picasso, Fernand Léger, Georges Braque, Henri Matisse, ma anche Jean Brusselmans o Sonia Delaunay e, più recentemente, Tarsila do Amaral) non per sottomettersi a questa eredità ma per segnare un incontro con un linguaggio e una scelta pittorica. Per la sua prima mostra personale in un'istituzione parigina, l'artista presenta quindici delle sue opere più recenti, sei delle quali realizzate appositamente per il Musée National Picasso.

Maggiori info: https://www.museepicassoparis.fr/fr/farah-atassi-artiste-et-modele

MOSTRA MIROIR DU MONDE AL MUSÉE DU LUXEMBOURG

fino al 15 gennaio 2023

La mostra "Miroir du monde. Chefs-d'oeuvre du cabinet d'art de Dresde" riunisce un centinaio di opere d'arte e oggetti eccezionali raccolti tra il XVI e il XVIII secolo dai potenti principi elettori di Sassonia. Composta da oggetti d'arte, strumenti e libri scientifici, materiali naturali e oggetti etnografici, la Kunstkammer (chiamata pure "gabinetto delle curiosità") è stata la prima collezione europea ad aprire le sue porte al grande pubblico, che la vedeva come un luogo di conoscenza e apprendimento. L'esposizione pone l'accento sulla qualità artistica e sulla provenienza delle opere, che non solo riflettono le numerose relazioni globali e gli scambi culturali, ma anche la visione eurocentrica del mondo che incarnano. Alcuni oggetti storici sono disposti in modo da rispecchiare le opere di artisti contemporanei.

Maggiori info: https://museeduluxembourg.fr/fr/agenda/evenement/miroir-du-monde

MOSTRA FACE AU SOLEIL AL MUSÉE MARMOTTAN-MONET

fino al 29 gennaio 2023

Nel 2022 il Musée Marmottan Monet celebra il 150° anniversario del dipinto "Impression, soleil levant" di Claude Monet, passato alla storia per aver dato il nome all'impressionismo, la corrente artistica che rivoluzionò il modo di fare pittura dalla seconda metà dell'Ottocento in Francia. Per l'occasione l'istituzione parigina si allea con il Museum Barberini di Potsdam, proprietario dell'opera "Le Port du Havre, effet de nuit" di Monet (controparte notturna di "Impression, soleil levant"), per dare vita ad una straordinaria mostra dal titolo "Face au soleil". L’esposizione ripercorre la rappresentazione del sole nell'arte, dall'antichità ai giorni nostri, attraverso un percorso cronologico e tematico composto da oltre sessanta opere provenienti da collezioni private e pubbliche internazionali.

Maggiori info: https://www.marmottan.fr/expositions/face-au-soleil/

THE WORLD OF BANKSY

fino al 31 dicembre 2022

Da non perdere per tutti gli appassionati di street art la mostra immersiva dal titolo "The World of Banksy" che rende omaggio ad uno dei maggiori esponenti dell'arte urbana. I visitatori possono ammirare un centinaio di opere dello street artist più irriverente del pianeta, tra cui 42 murales, ricostruiti da una decina di street artist internazionali, e 51 opere originali dell'artista britannico provenienti da collezioni private.

Tra le opere presenti si segnalano: "Kissing Coppers", che mostra il famoso bacio tra due poliziotti britannici; e "Turf War", in cui Winston Churchill si trasforma in un'icona punk con una cresta verde. Un’occasione unica per rivivere il mito del writer britannico.

Maggiori info: https://theworldofbanksy.fr/

 

Mostre al Musée d'Art Moderne de Paris

OSKAR KOKOSCHKA
fino al 12 febbraio 2023

Il Musée d’Art Moderne de Paris presenta la prima retrospettiva parigina dedicata al popolare artista austriaco Oskar Kokoschka (1886-1980), le cui opere hanno lasciato un segno importante nel mondo dell'arte austriaca e non solo. La mostra, ripercorrendo sette decenni di creazione pittorica, riflette l'originalità dimostrata dall'artista.

Pittore ma anche scrittore, drammaturgo e poeta, Kokoschka era un artista impegnato, spinto dai rivolgimenti intellettuali della Vienna di inizio Novecento. Per il suo desiderio di esprimere l'intensità degli umori del suo tempo, e un certo talento per la provocazione, divenne per la critica l'enfant terrible di Vienna. I suoi lavori erano caratterizzati da un violento cromatismo, al fine di dare rilevanza alle sensazioni e ai sentimenti. La mostra riunisce un'ampia ed accurata selezione delle sue opere più significative.

Maggiori info: https://www.mam.paris.fr/fr/expositions/exposition-oskar-kokoschka

FRANCISCO TROPA
fino al 29 gennaio 2023

Artista di spicco della scena portoghese, Francisco Tropa (1968, Lisbona) è stato invitato dal Musée d’Art Moderne de Paris per presentare una mostra nell'ambito della Saison France-Portugal 2022 organizzata dall'Institut Français. La pratica di Francisco Tropa è essenzialmente orientata alla scultura, alla quale spesso viene associata l'immagine fotografica o filmica. Si intrecciano riferimenti all'antichità, alla scienza, alla tecnologia e persino alla storia dell'arte. Si sviluppa così un lavoro che si configura come un'indagine volta a sviscerare l'atto della creazione. La mostra cerca di dare forma ai principi creativi che definiscono la vita e il funzionamento del mondo e degli esseri. Collocata al centro del percorso, l'installazione "Le Poumon et le Coeur" propone una riflessione sulla straordinaria funzionalità del corpo umano.

Maggiori info: https://www.mam.paris.fr/fr/expositions/exposition-francisco-tropa

ZOE LEONARD
fino al 29 gennaio 2023

Zoe Leonard è una famosa fotografa statunitense (nata nel 1961 a New York) finora raramente presentata in Francia. Produce lavori concettuali e impegnati dalla fine degli anni '80. Fotografa autodidatta, ha prediletto fin dall'inizio la pellicola in bianco e nero. La mostra "Al río / To the River" invita a fare un viaggio lungo il mitico fiume Río Grande (o Río Bravo come viene chiamato in Messico) che segna il confine tra Messico e Stati Uniti, le cui sponde sono state percorse da Zoe Leonard tra il 2016 e il 2021. Seguendo il corso del fiume, dalle città di confine di El Paso (Texas, Stati Uniti) e Ciudad Juarez (Messico) fino al Golfo del Messico dove sfocia nell'Oceano Atlantico, l'artista racconta una storia dove la geografia incontra interessi culturali, storici, sociali, politici, economici ed ecologici.

Maggiori info: https://www.mam.paris.fr/fr/expositions/exposition-zoe-leonard

MOSTRA CLAUDE MONET - JOAN MITCHELL ALLA FONDATION LOUIS VUITTON

fino al 27 febbraio 2023

La mostra mette in scena un dialogo senza precedenti tra le opere di due artisti eccezionali, Claude Monet (1840-1926) e Joan Mitchell (1925-1992), che hanno segnato non solo il loro tempo ma generazioni di pittori. Alla Mitchell è dedicata anche una retrospettiva per permettere al pubblico francese ed europeo di avere una visione più ampia della sua opera. Le due esposizioni mostrano le loro percezioni dello stesso paesaggio composito, spesso espresse in formati particolarmente immersivi. Di fronte al medesimo paesaggio, quello delle rive della Senna, i due artisti condividono un'acuta sensibilità per la luce e per i colori. Ispirandosi alla natura circostante dell'Île-de-France, sviluppano un approccio pittorico simile, fatto di "sensazioni" per Monet e di "sentimenti" per Mitchell. Attraverso una sessantina di opere emblematiche dei due artisti, la mostra offre al pubblico un percorso incantevole scandito da notevoli corrispondenze visive e tematiche.

Maggiori info: https://www.fondationlouisvuitton.fr/fr/evenements/claude-monet-joan-mitchell

Mostre al Petit Palais

ANDRÉ DEVAMBEZ
fino al 31 dicembre 2022

Il Petit Palais e il Musée des Beaux-Arts de Rennes uniscono le forze per offrire una retrospettiva senza precedenti dedicata ad André Devambez (1867–1944), artista francese multidisciplinare con un'abbondante opera a cavallo tra il XIX e il XX secolo. La mostra esplora l'ampia varietà delle sue ispirazioni: ritratti, decorazioni, illustrazioni, soggetti della storia o della vita moderna. Il Petit Palais vuole così fare il punto su questo artista estremamente produttivo dal profilo tipico della Belle Époque, che vide emergere nella capitale una marea di creatori ai margini delle principali correnti artistiche. L’esposizione mette in evidenza l'originalità del suo approccio, la sua paradossale modernità e la sua sfrenata fantasia.

Maggiori info: https://www.petitpalais.paris.fr/expositions/andre-devambez-1867-1944

WALTER SICKERT
fino al 29 gennaio 2023

Il Petit Palais presenta, per la prima volta in Francia, un'importante retrospettiva dedicata al pittore inglese Walter Sickert (1860-1942), ideata in collaborazione con la Tate Britain di Londra. Questo artista risolutamente moderno, con soggetti enigmatici e spesso destabilizzanti, è raramente presente nelle collezioni francesi. Tuttavia, Sickert intrecciò legami artistici e amichevoli con numerosi artisti francesi e importò in Inghilterra un modo di dipingere molto influenzato dai suoi soggiorni a Parigi. La mostra è un'occasione per (ri)scoprire questo singolare artista che ha avuto un impatto decisivo sulla pittura figurativa inglese, in particolare su Lucian Freud.

Maggiori info: https://www.petitpalais.paris.fr/expositions/walter-sickert

UGO RONDINONE
fino all'8 gennaio 2023

Dal 2015, ogni autunno un artista contemporaneo viene invitato ad esporre nelle collezioni permanenti del Petit Palais. Quest'anno è stato invitato Ugo Rondinone, artista svizzero di origini italiane che vive e lavora a New York da oltre 25 anni. Scultura, pittura, video, suono, fotografia, non ci sono tecniche che Rondinone non abbia utilizzato per i suoi lavori, in cui gli opposti dialogano, creando opere dal forte impatto estetico e dal messaggio diretto. Ogni sua produzione artistica sembra corrispondere a un haiku (un singolare tipo di componimento poetico giapponese dalla struttura aperta), che definisce in poche parole un atto quotidiano semplicissimo.

Maggiori info: https://www.petitpalais.paris.fr/expositions/ugo-rondinone

Mostre al Musée du quai Branly

BLACK INDIANS DE LA NOUVELLE-ORLÉANS
fino al 15 gennaio 2023

La mostra rende omaggio alla straordinaria creatività degli afroamericani in Louisiana attraverso le sfilate dei Black Indians. Quando la memoria degli antenati schiavi si incrocia con quella delle comunità dei nativi americani. Se c'è un evento che incarna l'identità di New Orleans è il suo carnevale, il Mardi Gras. A margine di queste feste ereditate dall'era coloniale francese, persiste una tradizione a lungo ignorata: le spettacolari sfilate dei Black Indians in magnifici costumi ornati di perle, paillettes e piume. Rese popolari dalla serie televisiva Treme di David Simon, queste parate sono un potente indicatore sociale e culturale per gli afroamericani in Louisiana. Testimoniano la resistenza della comunità nera ai divieti della segregazione razziale e ai festeggiamenti del Mardi Gras da cui un tempo era largamente esclusa. Attraverso un percorso geografico e cronologico scandito da interviste, costumi contemporanei e opere tradizionali, la mostra svela una cultura unica, costruita da oltre tre secoli di resistenza contro l'assalto del dominio sociale e razziale.

Maggiori info: https://www.quaibranly.fr/fr/expositions-evenements/au-musee/expositions/details-de-levenement/e/black-indians-de-la-nouvelle-orleans-39535/

CARNETS KANAK
fino al 12 marzo 2023

La mostra è dedicata al meticoloso lavoro investigativo svolto dall’etnologo Roger Boulay nell'arco di due decenni. Boulay, collaboratore dell'Agence du Développement de la Culture Kanak dal 1979 al 1998, fu incaricato da Jean-Marie Tjibaou di catalogare il patrimonio Kanak disperso (IPKD) nei musei e nelle collezioni pubbliche dell'intero mondo. Ha svolto questo importante lavoro in stretta collaborazione con Emmanuel Kasarhérou, ora presidente del Musée du quai Branly. Il meticoloso lavoro di indagine è documentato da oltre 3.000 schizzi e raffinati acquerelli degli oggetti inventariati. Attraverso un dialogo tra i taccuini originali e le opere custodite nel museo, la mostra vuole mettere in luce le tappe, gli attori e la posta in gioco di questa missione colossale.

Maggiori info: https://www.quaibranly.fr/fr/expositions-evenements/au-musee/expositions/details-de-levenement/e/carnets-kanak-38717/

KIMONO
fino al 28 maggio 2023

Abbigliamento emblematico e caratteristico dell'identità del Giappone, il kimono è oggi un capo essenziale della moda. Apparso più di mille anni fa, il kimono – letteralmente "cosa da indossare" – incarna agli occhi dei giapponesi la cultura e la sensibilità nazionale. Fu all'inizio del periodo Edo (1603-1868) che divenne l'abito tradizionale per eccellenza, indossato da tutti i giapponesi, indipendentemente dal loro status sociale o genere. Negli anni Cinquanta dell'Ottocento, con l'apertura del Giappone al commercio estero, fu esportato in un Occidente allora affascinato dal suo carattere esotico. L'entusiasmo suscitato dalla sua forma o dai suoi tessuti trasformò profondamente e radicalmente la moda del continente pochi decenni dopo. La mostra, ideata dal Victoria and Albert Museum di Londra, ripercorre la storia e l'evoluzione del kimono.

Maggiori info: https://www.quaibranly.fr/fr/expositions-evenements/au-musee/expositions/details-de-levenement/e/kimono-39538/

Mostre alla Bourse de Commerce - Pinault Collection

DOMINIQUE GONZALEZ-FOERSTER OPERA
fino al 2 gennaio 2023

Maria Callas, la più grande cantante lirica di tutti i tempi, rivive nell'opera realizzata da Dominique Gonzalez-Foerster, artista francese la cui produzione si concentra sulla costruzione di scenari e sull'evocazione di atmosfere suggestive. Forte di una vasta conoscenza del cinema, della letteratura, dell'architettura modernista e della musica, mette il suono e la luce al centro dei suoi ambienti.

Nel 2012 ha iniziato a realizzare una serie di opere performative, o apparizioni come le chiama lei, in cui ha incarnato figure come Bob Dyilan, Emily Brontë e appunto Maria Callas. Queste apparizioni assumono talvolta la forma di proiezioni olografiche che rievocano spettacoli leggendari.

Maggiori info: https://www.pinaultcollection.com/fr/boursedecommerce/dominique-gonzalez-foerster

ANRI SALA
fino al 3 gennaio 2023

La Bourse de Commerce – Pinault Collection ospita un'originale esposizione firmata Anri Sala, il celebre artista di origini albanesi specializzato nel campo delle arti visive. Utilizzando generi diversi, Sala fa affiorare dal reale dettagli che, poeticamente trasfigurati, svelano aspetti inconsueti del presente. Il pezzo forte della mostra è l'installazione audio-visiva Time No Longer (2021), che si concentra sull'immagine di un giradischi galleggiante in una stazione spaziale. Ancorato al solo cavo elettrico di alimentazione, il giradischi riproduce un nuovo arrangiamento di "Quatuor pour la fin du temps", composizione realizzata dal musicista francese Olivier Messiaen. In particolare, per la realizzazione dell'opera, l'artista si è ispirato all'unico movimento solista del quartetto, "Abîme des oiseaux".

Maggiori info: https://www.pinaultcollection.com/fr/boursedecommerce/anri-sala

BORIS MIKHAÏLOV
fino al 3 gennaio 2023

Boris Mikhaïlov è un artista e fotografo ucraino che fin dagli anni '60, attraverso lo sguardo della macchina fotografica, racconta i cambiamenti del suo paese, segnato prima dal regime comunista e poi dalla difficile ripresa sociale ed economica. La Bourse de Commerce – Pinault Collection espone per la prima volta una delle sue opere più emblematiche, la serie "At Dusk" realizzata tra il 1990 e il 1993 a Kharkiv. Scene di strada buie e intransigenti mostrano la gente del posto in fila per il cibo o rannicchiata attorno a un fuoco improvvisato. Il titolo suggerisce che le immagini sono state catturate al tramonto, un momento in cui la luce del giorno lascia il posto all'oscurità. Mikhaïlov la vede come una metafora elegiaca della transizione dell'Ucraina verso l'indipendenza dopo anni di governo comunista. Questa potente serie ricorda i conflitti e la tragedia in cui il popolo ucraino si è ritrovato nuovamente immerso.

Maggiori info: https://www.pinaultcollection.com/fr/boursedecommerce/boris-mikhailov

Mostre al Musée Cernuschi

L'ENCRE EN MOUVEMENT, UNE HISTORIE DE LA PEINTURE CHINOISE AU XXE SIÈCLE
fino al 19 febbraio 2023

Dopo la mostra "Peindre hors du monde", che invitava a immergersi nel passato imperiale della Cina sulle orme dei pittori letterati, il Musée Cernuschi continua questo viaggio nel tempo avvicinandosi alla pittura cinese del XX secolo. Il museo, che possiede una delle più importanti collezioni europee di pittura cinese moderna e contemporanea, presenta per la prima volta una mostra dedicata esclusivamente a questi capolavori. La presentazione di questi fragili tesori fatti di inchiostro e carta, che non possono essere permanentemente esposti alla luce, è un vero e proprio evento. La collezione di pittura cinese, costituita a partire dagli anni Cinquanta, comprende diverse centinaia di opere, tra le quali spiccano dipinti di maestri come Qi Baishi, Fu Baoshi, Wu Guanzhong o Li Jin.

Maggiori info: https://www.cernuschi.paris.fr/fr/expositions/lencre-en-mouvement-une-histoire-de-la-peinture-chinoise-au-xxe-siecle

L’ÉNERGIE AU BOUT DU PINCEAU, CALLIGRAPHIES D'AKEJI SUMIYOSHI
fino all'8 gennaio 2023

Con questa mostra il Musée Cernuschi propone un'immersione nel mondo di Akeji Sumiyoshi (1938-2018), famoso calligrafo giapponese che venerava la natura. Nel 1969, all'età di 31 anni, decise con la moglie Asako di andare a vivere nella valle di Himuro, in un rifugio nella foresta che divenne il loro eremo per quasi cinquant'anni. Ritornato ai luoghi della sua infanzia, Akeji conduce una vita fuori dal tempo, dedicandosi alla calligrafia in un dialogo costante con la natura. Seguendo il ritmo delle stagioni, il calligrafo raccoglie semi, frutti, fiori, cortecce e radici, da cui estrae la materia colorante. Non avendo un laboratorio, crea le sue opere nella foresta. E come molti calligrafi, realizza i suoi pennelli usando i capelli di diversi animali. Intime corrispondenze tra i segni calligrafici e le piante da cui ha estratto i coloranti abitano le sue creazioni, animandole con un ritmo primordiale e un significato profondo che rivelano l'essenza animistica del suo lavoro.

Maggiori info: https://www.cernuschi.paris.fr/fr/expositions/lenergie-au-bout-du-pinceau-calligraphies-dakeji-sumiyoshi

MOSTRA FORCES SPÉCIALES AL MUSÉE DE L'ARMÉE

fino al 29 gennaio 2023

In occasione del 30° anniversario della creazione del Commandement des opérations spéciales (in sigla COS, tradotto "Comando delle Operazioni Speciali"), il Musée de l'Armée ospita una mostra dedicata alle forze speciali francesi e all'impegno di questi uomini e donne, dalla Seconda Guerra Mondiale ai giorni nostri. Le principali imprese di queste unità d'élite vengono raccontate per rendere i visitatori consapevoli dell'importanza strategica del loro ruolo, sia in tempo di pace che in tempo di guerra. La mostra presenta per la prima volta i loro metodi operativi e alcune attrezzature utilizzate durante gli interventi militari. L'esposizione propone anche un'analisi dei modi in cui vengono rappresentate le forze speciali nel cinema.

Maggiori info: https://www.musee-armee.fr/au-programme/expositions/detail/forces-speciales.html

MOSTRA PARISIENNES CITOYENNES! AL MUSÉE CARNAVALET

fino al 29 gennaio 2023

Con questa mostra il Musée Carnavalet presenta per la prima volta una sintesi sulla storia e la memoria delle lotte per l'emancipazione delle donne, concentrandosi sulla storia del femminismo nel contesto parigino. Accanto ad alcune figure chiave, come Olympe de Gouges e Gisèle Halimi, viene dato ampio spazio a donne parigine meno conosciute o anonime. Il percorso espositivo segue un filo cronologico che inizia con la rivendicazione del "diritto di cittadinanza" per le donne durante la Rivoluzione e si conclude con la legge sulla parità del 2000. Dipinti, sculture, fotografie, film, video, manifesti, striscioni, distintivi, giornali, archivi, documenti, vestiti, manoscritti, libri o altri oggetti insoliti, riflettono la diversità delle battaglie e delle modalità di rivendicazione.

Maggiori info: https://www.carnavalet.paris.fr/expositions/parisiennes-citoyennes

MOSTRA HYPERRÉALISME AL MUSÉE MALLIOL

fino al 5 marzo 2023

Dopo Bilbao, Canberra, Rotterdam, Liegi, Lione e Bruxelles, dove ha riscosso un enorme successo, la mostra itinerante "Hyperréalisme. Ceci n’est pas un corps" fa tappa al Musée Maillol in una versione arricchita e in parte inedita. L'iperrealismo è una corrente artistica apparsa negli anni '60 negli Stati Uniti, le cui tecniche sono state esplorate da molti artisti contemporanei. La mostra presenta una serie di sculture che scuotono la nostra visione dell'arte. Realtà, arte o copia? L'artista iperrealista volta le spalle all'astrazione e cerca di ottenere una rappresentazione meticolosa della natura al punto che gli spettatori a volte si chiedono se hanno a che fare con il corpo vivente. Il sottotitolo dell'esposizione fa riferimento alla celebre opera di René Magritte "Ceci n'est pas une pipe", che metteva in discussione il rapporto tra arte e realtà. Alcuni artisti in mostra si sforzano di dare al corpo umano la rappresentazione più fedele e viva possibile mentre altri, al contrario, mettono in discussione la nozione di realtà.

Maggiori info: https://www.museemaillol.com/expositions/hyperrealisme/

MOSTRA RENVERSER SES YEUX AL JEU DE PAUME

fino al 29 gennaio 2023

Per la prima volta, la Galerie Nationale du Jeu de Paume e LE BAL presentano una mostra tematica congiunta sull'uso dei media – fotografia, film, video – degli artisti italiani degli anni Sessanta e dei primi anni Settanta. Incentrata sul movimento dell'Arte Povera, l'esposizione illustra la straordinaria ricchezza di un periodo in cui gli artisti italiani si sono appropriati della forza narrativa della fotografia, del video e del film.

Dai quadri specchianti di Michelangelo Pistoletto alle grandi fotografie su tela di Giulio Paolini, dalle opere fotocopiate di Alighiero Boetti ai video di Luciano Giaccari, la mostra offre una panoramica delle sperimentazioni visive delle avanguardie italiane nel campo dell'immagine. Il titolo "Reversing your eyes" è un riferimento all'omonima opera di Giuseppe Penone, di cui sono presenti in mostra diverse versioni.

Maggiori info: https://jeudepaume.org/evenement/exposition-renverser-ses-yeux/

MOSTRA VENISE RÉVÉLÉÉ AL GRAND PALAIS IMMERSIF

fino al 19 febbraio 2023

Il Grand Palais Immersif invita la Serenissima Repubblica di Venezia a Parigi per svelarne tutti i segreti in una nuova spettacolare scenografia. Miracolo dell'ingegneria, dell'architettura e dell'arte, la città di Venezia, costruita ex novo su una laguna, combatte da diversi secoli contro il mare, una minaccia spietata che è stata anche la fonte della sua immensa ricchezza. La mostra vi farà scoprire i tesori e i misteri di questa impareggiabile città e del suo splendore attraverso immagini inedite e sorprendenti, proiezioni immersive e dispositivi interattivi ludici e innovativi. Strutturato come un racconto in quattro capitoli, il percorso espositivo mira ad offrire una narrazione cronologica, in grado di coniugare storia e sguardi ravvicinati sui monumenti e i luoghi più iconici della città.

Maggiori info: https://grandpalais-immersif.fr/presentation-de-lexposition

MOSTRA MOLIERE EN MUSIQUES ALLA BIBLIOTHÈQUE-MUSÉE DE L'OPÉRA NATIONAL DE PARIS

fino al 15 gennaio 2023

La mostra alla Bibliothèque-Musée de l’Opéra national de Paris è dedicata alla presenza della musica e della danza nell'opera di Molière, uno degli autori più importanti del teatro classico francese del Seicento. Le due arti sono inseparabili: quasi la metà dei suoi pezzi sono mescolati con intermezzi musicali e danzati, al punto da partecipare alla nascita dell'opera francese negli anni '70 del XVII secolo. Grazie alle collezioni della BnF, dell'Opéra national de Paris e della Comédie-Française, la mostra esplora le condizioni dell'emergere della commedia-balletto e il posto del genere nelle rappresentazioni di Molière nel corso del tempo.

Maggiori info: https://www.operadeparis.fr/actualites/exposition-moliere-en-musiques

Mostre alla Cité de l'architecture et du patrimoine

PIERRE-LOUIS FALOCI
fino al 29 maggio 2023

La mostra ripercorre la carriera dell'architetto francese Pierre-Louis Faloci, evocando le affinità che legano il cinema alle sue ricerche progettuali. Distante dalle mode, articola la sua pratica attorno alla nozione di "paesaggio globale" che ha sviluppato a lungo nel suo insegnamento e che costituisce la base problematica su cui poggiano le sue convinzioni di architetto. Le sue architetture sono integrate e radicate nei contesti ambientali in cui si iscrivono, contesti affrontati sempre nella loro duplice valenza storico-strutturale e paesaggistico-naturalistica. La mostra presenta, in una scenografia disegnata dallo stesso Faloci, quindici grandi realizzazioni: dall'azienda vinicola di Cacela Velha nel sud del Portogallo all'Ecole d'architecture di Tolosa, dal Centre archéologique di Mont-Beuvray al Musée d'art moderne di Céret.

Maggiori info: https://www.citedelarchitecture.fr/fr/agenda/exposition/pierre-louis-faloci-une-ecologie-du-regard

ART DÉCO FRANCE / AMÉRIQUE DU NORD
fino al 6 marzo 2023

L'esposizione mostra come lo stile Art Déco francese abbia influenzato l'architettura, l'arredamento, lo stile di vita e il gusto dei nordamericani. Questo fenomeno caratterizzato da forme classiche e misurate, di gusto modernista, geometrico e prezioso, durò solo una ventina di anni ma lasciò un segno indelebile a Parigi e nel mondo artistico in generale. Interessò il periodo fra il 1919 e il 1930 in Europa, mentre in America, in particolare negli Stati Uniti, si prolungò fino al 1940. È anche detto Stile 1925 perché ebbe grande diffusione con la Exposition internationale des arts décoratifs et industriels modernes, tenuta a Parigi nel 1925. Con un percorso inedito, incentrato sull'architettura ma anche sulla vita culturale e artistica, la mostra riflette l'incessante dialogo tra Francia e America attorno a questo stile che rivoluzionò il mondo creativo dell'epoca.

Maggiori info: https://www.citedelarchitecture.fr/fr/agenda/exposition/art-deco-france-amerique-du-nord

ALTRI EVENTI DA NON PERDERE A PARIGI NEL MESE DI DICEMBRE

SAINT-NICOLAS E IL PONTE DELL'IMMACOLATA A PARIGI

Il 6 dicembre in alcune regioni della Francia orientale, tra cui nella città di Parigi, si festeggia Saint Nicolas, il personaggio barbuto e amatissimo dai bambini, proprio come Babbo Natale.

Se ti trovi nella capitale francese durante il Ponte dell’Immacolata ricordati che in Francia né il 6 né l’8 dicembre sono giorni festivi, questo significa che troverai tutto aperto, dai musei ai principali monumenti e attrazioni parigine.

FESTEGGIAMENTI DI CAPODANNO SUGLI CHAMPS-ELYSÉES

31 dicembre 2022

Qual è il modo più spettacolare di festeggiare la fine dell’anno? Noi siamo di parte ma possiamo assicurarti che partecipare ai festeggiamenti del 31 dicembre nella Ville Lumière lungo gli Champs-Elysées è un qualcosa di magico, da provare almeno una volta nella vita.

© foto Mairie de Paris

LUMIÈRES EN SEINE AL DOMAINE NATIONAL DE SAINT-CLOUD

fino all’8 gennaio 2023

Lumières en Seine propone una magica e fantastica passeggiata notturna su un percorso di oltre due chilometri nel Domain national de Saint-Cloud, per l'occasione adornato di mille luci scintillanti. Lungo il tragitto si susseguono scenografie mozzafiato, giochi d'acqua illuminati, proiezioni luminose, ninfee dorate, stelle danzanti e persino uno spettacolo pirotecnico.

Sin dall'ingresso, Lumières en Seine promette di regalare una serata indimenticabile in uno scenario incantevole, dove si mescolano la magia dell'inverno e quella delle feste di fine anno. Dalla foresta ghiacciata al campo delle fate, dalla cascata illuminata al giardino del fuoco, passando per la giostra incantata e la slitta di Babbo Natale, non perdere questo incantevole spettacolo di suoni e luci.

Maggiori Info: https://www.lumieresenseine.com/

Parigi.it by Cuma Travel s.r.l.

FESTIVAL D'AUTOMNE

fino al 31 dicembre 2022

Giunto alla 51esima edizione, il Festival d'Automne è un evento multidisciplinare che chiama a raccolta artisti d’avanguardia di tutto il mondo che operano nel campo del teatro, della danza, del cinema, della musica e delle arti visive. La programmazione internazionale ne fa uno degli eventi maggiori della creazione artistica, sia in Francia che nel mondo. Il programma del festival prevede una cinquantina di eventi, che si terranno in vari luoghi della città, tra cui il Théâtre de l'Odéon, il Centre Pompidou e la Philharmonie de Paris, solo per citarne alcuni. Partecipare a questa rassegna rappresenta anche una buona occasione per scoprire alcuni dei luoghi più belli della capitale francese.

Maggiori Info: https://www.festival-automne.com/

SALON DU LIVRE ET DE LA PRESSE JEUNESSE

dal 30 novembre al 5 dicembre 2022

Per i ragazzi appassionati di libri e letteratura a Montreuil è in programma il Salon du livre et de la presse jeunesse, uno dei principali festival letterari d'Europa nonché un punto di riferimento nel campo dei libri per ragazzi. Centinaia di case editrici presentano le loro produzioni mentre circa duecento autori incontrano i lettori. Oltre a passeggiare tra gli stand e ad incontrare gli autori, è possibile anche visitare la mostra del Salon.

Maggiori Info: https://slpjplus.fr/salon/

CONCERTO DI NATALE ALLA MADELEINE

25 dicembre 2022

Niente di più magico ed emozionante che accomodarsi nel cuore della meravigliosa chiesa della Madeleine, di fronte al suo splendido e monumentale altare, ed ascoltare un suggestivo concerto di musica classica. Il 25 dicembre alle ore 16:00 è in programma il recital per organo di François-Henri Houbart, uno dei migliori organisti francesi. In qualità di concertista, ha tenuto più di 1.200 concerti o recital in Europa, Stati Uniti, Canada e Giappone. Nel periodo natalizio è possibile anche assistere ai canti di Natale, in aggiunta alla programmazione classica.

Maggiori info: http://www.eglise-lamadeleine.com/la-musique

© Paris Tourist Office - Photographe : Fabian Charaffi

SALON DU CHEVAL DE PARIS

date da confermare

Gli amanti dell’equitazione non possono mancare di visitare il Salon du cheval de Paris nella splendida cornice del Parc des Expositions de Paris Nord Villepinte, il più importante salone ippico su suolo francese, punto di incontro non solo per gli addetti del settore ma anche per tutti coloro che si avvicinano all'equitazione per la prima volta. Il salone è l'occasione per ammirare centinaia di magnifici esemplari di cavalli di tutte le razze. Inoltre, ampio spazio è riservato anche agli ultimi prodotti e servizi del mondo del cavallo. Oltre al ricco programma di competizioni nazionali e internazionali come il Longines Masters de Paris e il Concours hippique Indoor de Paris, sono previsti un gran numero di spettacoli ed attività.

Maggiori info: https://www.facebook.com/Salonducheval/

NAUTIC - SALON NAUTIQUE INTERNATIONAL DE PARIS

dal 3 al 10 dicembre 2022

Per i professionisti della navigazione e gli appassionati della nautica torna il Salon Nautique International de Paris al centro espositivo Paris Expo Porte de Versailles, che per l’occasione si trasforma nel più grande porto coperto della Francia. I visitatori possono ammirare un gran numero di barche tra nuovi modelli, barche a motore, barche a vela e piccole imbarcazioni come canoe, kayak e tavole da windsurf. Inoltre, grande spazio è riservato alle attrezzature, dalle più classiche alle più recenti innovazioni. Tanti gli eventi collaterali pensati per far divertire ed interessare i visitatori. Il 4 dicembre è prevista la 12esima edizione della Nautic Paddle, la più grande corsa di paddle surf al mondo.

Maggiori Info: https://www.salonnautiqueparis.com/fr

Da non perdere durante le illuminazioni Natalizie

Novità! Bus Toqué... la migliore posizione per il tuo ristorante a Parigi!

Il nuovo ristorante-bus itinerante Bus Toqué, ti porterà alla scoperta della meravigliosa ville lumière con le sue maggiori attrazioni. Durante il tour panoramico della città potrai degustare specialità francesi e altre prelibatezze. La partenza è da Place de la Concorde nel cuore della città, possibile a pranzo e a cena o anche per un aperitivo.

da 65,00€Scopri di più!
Offerta speciale

Tour di Parigi Illuminata in pullman

A bordo di un pullman panoramico, potrai ammirare la magia notturna di Parigi, con i suoi monumenti e i suoi ponti illuminati. Tour in pullman climatizzato GTL, con commenti registrati e cuffie individuali. Partenza da agenzia sita in 2 rue des Pyramides (zona Louvre/Opera).

da 28,00€ da 24,00€Scopri di più!

Leggi anche