Eventi a Parigi nel mese di Agosto 2020

Signature copyright: © Paris Tourist Office - Photographe : Marc Bertrand

Agosto 2020 a Parigi

Pronti a vivere l’estate parigina? La lista degli eventi e delle cose da fare durante una vacanza in agosto a Parigi è davvero ricca. Si inizia con "Paris Plage", le famose spiagge che in estate vengono allestite lungo le rive della Senna, e si continua con il cinema serale all’aperto, con concerti e locali in cui ascoltare musica dal vivo e tante mostre e esposizioni nei più famosi musei della città.

Scopri tutti gli eventi in agosto a Parigi: consulta la nostra selezione di alcuni dei principali eventi che si svolgeranno nella città di Parigi nel corso del mese di Agosto 2020. 

Paris Plage

Fino al 30 agosto 2020

Ogni anno durante l'estate la città di Parigi si trasforma in una località balneare grazie ad un appuntamento ormai fisso: l’iniziativa Paris Plage, il cui scopo è quello di portare in città le "spiagge" e le attività ludiche e sportive di una zona di mare. Non perdetevi le ultime settimane di questa originale manifestazione per vivere a pieno l'estate parigina!

Ultimi giorni dei saldi estivi

Fino all’11 agosto 2020

La capitale francese è uno dei centri di moda più eleganti e all’avanguardia del mondo e ogni anno i mesi di luglio e agosto sono sinonimo di SALDI d’estate.
I saldi d’estate 2020 cominciano ufficialmente il 15 luglio alle ore 09:00 e terminano l’11 agosto 2020.
Se siete in viaggio a Parigi agli inizi di agosto, non lasciatevi scappare gli ultimi sconti imperdibili di fine stagione con riduzioni fino all'80%!

Esposizioni da non perdere a Parigi nel mese di agosto

via museedemontmartre.fr

MOSTRE AL MUSÉE D’ORSAY

AU PAYS DES MONSTRES. LÉOPOLD CHAUVEAU
fino al 13 settembre 2020

A lungo ignorato dalla storia dell’arte, fino a quando un corpus di 18 sculture e 100 disegni donato dal nipote al Musée d'Orsay nel 2017 riportasse alla ribalta il suo nome, Léopold Chauveau è stato uno straordinario scultore, illustratore e autore di libri per adulti e bambini, oltre che medico, professione che gli è stata imposta da obblighi familiari ma che non amava. Sin dalle sue prime opere i mostri sono stati uno dei leitmotiv della sua produzione, sia nella scultura che nel disegno. Questi mostri, spesso accattivanti e maldestri, rappresentavano per l'artista il popolo di un mondo immaginario in cui trovare rifugio. A partire dagli anni '20 invece ha iniziato ad immaginare dei paesaggi mostruosi in cui le sue creature erano impegnate in strane attività. La mostra è articolata in due parte: la prima è dedicata alla sua personalità, vita ed opera; la seconda al suo universo immaginario che non mancherà di affascinare i visitatori più giovani.

Maggiori Info: https://m.musee-orsay.fr/it/mostre/article/nel-paese-dei-mostri-50000.html

MOSTRA JAMES TISSOT
fino al 13 settembre 2020

Il Musée d’Orsay ospita un'interessante mostra dedicata a Jacques Joseph Tissot, detto James, grande pittore ed incisore francese della seconda metà dell’Ottocento, ambiguo e al contempo affascinante. Raffinato protagonista dell'élite del suo tempo, Tissot si è fatto le ossa nella capitale francese alla fine degli anni '50 dell’Ottocento, in un periodo in cui la modernità teorizzata da Baudelaire trovava espressione sotto i pennelli di Whistler, Manet o Degas. Nel corso della sua carriera il pittore si è concentrato nella descrizione delle molteplici declinazioni della donna parigina, oggetto di un grande ciclo (La donna a Parigi) e nell’esplorazione di soggetti mistici e religiosi, con il ciclo del Figliol prodigo e le centinaia di illustrazioni della Bibbia, che lo hanno reso famoso alla fine del XIX secolo. La retrospettiva, la prima dedicatagli a Parigi dopo quella organizzata al Petit Palais nel 1985, illustra il processo creativo della sua opera.

Maggiori Info: https://m.musee-orsay.fr/it/mostre/article/james-tissot-49970.html

Parigi.it by Cuma Travel s.r.l.

Mostre al Mad

LE DESSIN SANS RÉSERVE. COLLECTIONS DU MUSÉE DES ARTS DÉCORATIFS
fino al 31 gennaio 2021

Il Musée des Arts Décoratifs presenta i capolavori del Cabinet des Dessins attraverso una grande mostra che celebra la ricchezza delle sue collezioni. Uniche al mondo, queste collezioni riuniscono oltre 200.000 opere che offrono un ampio panorama della storia del disegno dal XV secolo ai giorni nostri, in Europa e fino al Giappone. Ci sono disegni di grandi maestri quali Le Brun, Watteau, Fragonard, Degas e Rodin, solo per citarne alcuni.

Una selezione di 500 opere è presentata in un percorso di visita originale organizzato in ordine alfabetico che celebra i temi cari al disegno (A come Architecture; P come Paysages; D come Décor; S come Séduire). La mostra è una sorta di invito a scoprire "dalla A alla Z" le raccolte complete di importanti artisti, le principali collezioni iconografiche e le sorprendenti scoperte degli ultimi anni.

Maggiori Info: https://madparis.fr/francais/musees/musee-des-arts-decoratifs/expositions/expositions-en-cours/le-dessin-sans-reserve-collections-du-musee-des-arts-decoratifs/

HARPER’S BAZAAR, PREMIER MAGAZINE DE MODE
fino al 4 gennaio 2021

Il Musée des Arts Décoratifs dedica una straordinaria mostra alla famosa rivista di moda americana Harper's Bazaar, fondata nel 1867 da Fletcher Harper. Sessanta creazioni di haute couture e prêt-à-porter, principalmente provenienti dalle collezioni del museo, sono esposte in corrispondenza della loro pubblicazione sulla rivista. Vengono presentate le opinioni di grandi fotografi ed artisti come Man Ray, Salvador Dali, Richard Avedon, Andy Warhol e persino Peter Lindbergh, che hanno contribuito all'eccezionale estetica della rivista e l'hanno resa famosa in tutto il mondo.

La mostra ripercorre i punti salienti di questa leggendaria rivista e la sua evoluzione dal 1867, rendendo omaggio alle personalità che l'hanno modellata: Carmel Snow, Alexey Brodovitch e Diana Vreeland. Tutti e tre, dagli anni Trenta, hanno spinto la rivista verso una modernità solo intravista dagli altri, stabilendo requisiti che hanno fatto scuola.

Maggiori Info: https://madparis.fr/francais/musees/musee-des-arts-decoratifs/expositions/expositions-en-cours/harper-s-bazaar-premier-magazine-de-mode/

Mostra Pompei al Grand Palais

fino al 27 settembre 2020

Il Grand Palais dedica una straordinaria mostra a Pompei, una città ricca di storia il cui mito dopo più di 2.000 anni continua ad attrarre ed affascinare l'élite culturale e creativa di tutto il mondo. La tragedia che ha colpito Pompei nel 79 d.C. ci ha consegnato una testimonianza unica nel suo genere, un patrimonio di conoscenze senza pari per quanto riguarda la storia dell'antichità. La mostra è una sorta di viaggio che immerge il visitatore nel cuore di Pompei, dal periodo di splendore fino alla sua distruzione, attraverso proiezioni a 360° ad altissima definizione, ricostruzioni 3D e creazioni sonore. L'esposizione si conclude con la presentazione dei vari scavi, dai più vecchi a quelli più recenti.

Maggiori Info: https://www.grandpalais.fr/fr/evenement/pompei

Acquista ora il tuo biglietto online!

Biglietto d'ingresso al Museo Orsay

Non perderti i capolavori impressionisti dello straordinario Museo Orsay e le sue interessanti mostre temporanee d'eccezione. Biglietto digitale, non è necessario stamparlo ma potrai mostrarlo dal tuo smartphone. Valido per una visita alle collezioni permanenti e alle mostre. Accedi dall'ingresso prioritario per visitatori già muniti di biglietto.

da 15,90€Acquista ora!

Biglietto Museo dell'Orangerie

Non perderti i capolavori impressionisti dello straordinario Museo dell'Orangerie. Biglietto digitale, consente di accedere dall'ingresso dedicato ai visitatori con biglietto (saltando la fila in biglietteria) e la visita delle collezioni permanenti e alle mostre temporanee* del museo. Non è necessario stamparlo ma potrai esibire il codice a barre dal tuo smartphone. 

da 10,50€Acquista ora!
Best-seller

Biglietto cumulativo Museo d'Orsay e Museo dell'Orangerie

Scopri i due straordinari musei di Parigi che racchiudono le opere più celebri degli impressionisti francesi: dai capolavori di Van Gogh, Gaugin e Renoir a Orsay alle spettacolari ninfee di Monet all'Orangerie. Biglietto digitale salta-fila, non è necessario stamparlo ma potrai mostrarlo dal tuo smartphone. E' valido per un ingresso alle collezioni permanenti e alle mostre*.

da 19,90€Acquista ora!

Mostre al Centre Pompidou

CHRISTO ET JEANNE CLAUDE
fino al 19 ottobre 2020

Christo e Jeanne-Claude, o più spesso semplicemente Christo, è il progetto artistico dei coniugi statunitensi Christo Yavachev e Jeanne-Claude Denat de Guillebon (oggi scomparsa), fra i maggiori esponenti della Land Art. In più di trent'anni di carriera hanno stupito il mondo con incredibili installazioni come ad esempio The Floating Piers, una passerella che, nel 2016, fece camminare centinaia di persone sulle acque del Lago d’Iseo. La mostra ripercorre gli anni trascorsi da Christo e Jeanne-Claude a Parigi dal 1958 al 1964, così come la storia di Le Pont-Neuf Empaqueté, Projet pour Paris, 1975-1985, quando i due "incartarono" il ponte più antico di Parigi. L'esposizione riunisce una serie di lavori di laboratorio, poco conosciuti dal grande pubblico.

Maggiori info: https://www.centrepompidou.fr/

GLOBAL(E) RESISTANCE
fino al 4 gennaio 2021

La mostra "Global(e) Resistance" presenta le opere di una sessantina di artisti, la maggior parte dei quali originari del "sud" del mondo (Africa, Medio Oriente, Sud-est asiatico, America Latina), tra cui Khalil Rabah, Firenze Lai, Latoya Ruby Frazier, Barthélémy Toguo, Malala Andrialavidrazana e Billie Zangewa. Si tratta di opere acquisite negli ultimi anni per le collezioni del Musée National d'Art Moderne, il cui tema è la contestazione e più in generale la resistenza che passa per la politica e l'arte.

La mostra, che si propone di esaminare le strategie contemporanee di resistenza, affronta problematiche che scaturiscono dalla storia dei tempi recenti, segnati dallo sviluppo delle paure globali legate alle guerre, alle nuove forme di conflitti o alle catastrofi globali. In esposizione per la prima volta la monumentale opera "Rédemption" dell'artista camerunese Barthélémy Toguo sul tema dell'incontro tra Nord e Sud.

Maggiori info: https://www.centrepompidou.fr/

Parigi.it by Cuma Travel s.r.l.

Mostre all'Atelier des Lumières

MONET, RENOIR ... CHAGALL. VOYAGES EN MÉDITERRANÉE
fino al 3 gennaio 2021

Dopo le mostre dedicate a Klimt e a Van Gogh, l’Ateliers des Lumières, il primo centro di arte digitale e immersiva della capitale francese, ospita la mostra digitale "Monet, Renoir... Chagall. Voyages en Méditerranée", un nuovo e straordinario viaggio alla scoperta di famosi artisti che hanno avuto un legame con il Mediterraneo. A partire dal 1880 il mar Mediterraneo ha sedotto numerosi pittori, che hanno lasciato i loro laboratori e si sono incontrati lungo la costa, da Collioure a Saint-Tropez, sviluppando una nuova concezione di luce e colore. Articolata in sette sequenze, la mostra accompagna il visitatore in giro per le principali tendenze artistiche del XIX e XX secolo come il puntinismo, l’impressionismo e il fauvismo. Con 140 video-proiettori e un sistema di spazializzazione audio, le immagini sono proiettate su una superficie di 3300 m2 su delle pareti alte più di 10 metri. Si tratta di una vera e propria immersione a 360° nelle tele di grandi maestri del calibro di Renoir, Monet, Pissarro, Matisse, Signac, Derain, Vlaminck, Dufy e Chagall. Più di 500 le opere che inondano l'Atelier des Lumières con i loro vivaci colori.

La mostra è una creazione di Gianfranco Iannuzzi, Renato Gatto e Massimiliano Siccardi, con la collaborazione musicale di Luca Longobardi.

Maggiori Info: https://www.atelier-lumieres.com/fr/monet-renoir-chagall-voyages-en-mediterranee

YVES KLEIN, L'INFINI BLU
fino al 3 gennaio 2021

Parallelamente alla mostra dedicata agli artisti che hanno avuto un legame con il Mediterraneo, l’Ateliers des Lumières ospita anche la mostra digitale "Yves Klein, l’infini bleu" che rende omaggio a questo grande artista francese del ventesimo secolo, precursore della body art, che voleva rendere la sua vita un'opera d'arte. Klein era noto per l'utilizzo del suo stesso corpo come un pennello vivente e per il suo legame al colore blu. Infatti, la mostra offre un'immersione sensoriale totale nelle opere dell'artista ma pone l'accento sul suo famoso International Klein Blue, meglio conosciuto come il blu Klein. Fu nel 1956 che creò quella che egli stesso definì come "la più perfetta espressione del blu", un oltremare saturo e luminoso, privo di alterazioni, che sembra non deteriorarsi mai nel tempo.

Maggiori Info: https://www.atelier-lumieres.com/fr/yves-klein-linfini-bleu

Mostre al Museo Picasso

PICASSO ET LA BANDE DESSINÉE
fino al 3 gennaio 2021

Attraverso una selezione di disegni, stampe e tavole originali, il Musée National Picasso accosta due mondi che pensavamo fossero totalmente distanti, l'opera artistica di Pablo Picasso e il mondo dei fumetti. Sempre curioso di sperimentare nuove tecniche, il maestro spagnolo prova anche questa arte. Il percorso espositivo è suddiviso in due parti: nella prima vengono mostrati i fumetti a cui l'artista era affezionato, come Pim Pam Poum di Rudolph Dirks, e i disegni da lui stesso realizzati; la seconda offre una panoramica dell'influenza di Picasso nel mondo del fumetto contemporaneo. Sono stati molti gli autori e i vignettisti che hanno reso omaggio all'artista includendolo come personaggio o che hanno rappresentato le sue opere più famose.

Maggiori info: http://www.museepicassoparis.fr/actuellement/

PICASSO POÈTE
fino al 3 gennaio 2021

La mostra "Picasso poète" esplora un aspetto poco conosciuto del lavoro di Pablo Picasso: l'importanza della scrittura poetica nel suo processo creativo. Tra i molti talenti dell'artista spagnolo, la scrittura poetica è una delle meno note eppure così affascinante. La mostra ripercorre questa parte relativamente sconosciuta dell'opera di Picasso attraverso poesie scritte a mano, disegni e dipinti contemporanei che mettono in risalto la grande libertà e la straordinaria inventiva del poeta Picasso nel giocare con la lingua.

Maggiori info: http://www.museepicassoparis.fr/actuellement/

Mostra Un air d'Italie all'Opéra Garnier

Mostra Louboutin al Palais de la Porte Dorée

fino al 3 gennaio 2021

Il Palais de la Porte Dorée, capolavoro in stile Art Decò che ospita l'Acquario Tropicale e il Museo Nazionale di Storia dell'Immigrazione, dedica un’affascinante mostra a Christian Louboutin, stilista calzaturiero parigino tra i più esclusivi e ambiti del mondo dell'alta moda. L’esposizione è concepita come un invito ad immergersi nel mondo dello stilista e a scoprire le diverse sfaccettature del suo universo. In mostra una vasta selezione di scarpe, alcune delle quali mai esposte, insieme a numerose collaborazioni esclusive e a nuovi progetti con artisti quali il regista e fotografo David Lynch, l'artista multimediale neozelandese Lisa Reihana, la coppia di designer inglese Whitaker Malem, la coreografa spagnola Blanca Li e l'artista pakistano Imran Qureshi.

Maggiori Info: https://www.palais-portedoree.fr/fr/christian-louboutin-l-exposition

De l'Amour al Palais de La Découverte

fino al 27 settembre 2020

Il Palais de la Découverte, straordinario museo che illustra "la scienza così com'è fatta", ospita una curiosa mostra incentrata sul tema dell’amore, sentimento universale dalle tantissime sfaccettature: dall’amore nell’arte all’amore online, passando per le prove d’amore e l’arte di amare. La mostra rivisita questo sentimento attraverso un approccio emotivo, ma anche scientifico. In un bell'omaggio a Roland Barthes, uno dei principali esponenti dello strutturalismo francese del '900, c’è un frammento di un discorso scientifico che i curatori della mostra presentano attraverso poesie, campi semantici, oggetti e situazioni diverse.

Maggiori info: http://www.palais-decouverte.fr/fr/au-programme/expositions-temporaires/de-lamour/lexposition/

Mostre al Musée de l'Homme

JE MANGE DONC JE SUIS
fino al 31 agosto 2020

Ospitato nell'ala Passy del Palais de Chaillot, il Musée de l'Homme presenta una grande esposizione dedicata al cibo e all'alimentazione in cui ne illustra l’evoluzione da un punto di vista storico, culturale e biologico. La mostra, che si basa sulle ricerche condotte dagli scienziati del Muséum national d’Histoire naturelle, racconta il nostro rapporto col cibo dalla preistoria fino ai giorni nostri, in un viaggio che dal passato ci porta verso il futuro. In esposizione vi sono anche opere di artisti moderni e contemporanei come Pablo Picasso, Gilles Barbier, Pilar Albarracin o Liu Bolin. E poiché niente illustra il cibo meglio di un buon pasto, sono in programma anche grandi banchetti commentati da chef e ricercatori, tavole rotonde con esperti e visite olfattive.

Maggiori Info: http://www.museedelhomme.fr/fr/programme/expositions-galerie-lhomme/je-mange-je-suis-3970

DERNIER REPAS À POMPÉI
fino al 4 gennaio 2021

Cosa mangiavano gli antichi romani? Il cibo e le abitudini alimentari degli abitanti dell'antica Pompei protagonisti della mostra "Dernier repas à Pompéi", la cui traduzione in italiano è "Ultimo pasto a Pompei". La mostra è un viaggio affascinante alla scoperta delle diverse pratiche dietetiche romane. Quattro spazi - panetteria, cucina, sala da pranzo e "laboratorio" - forniscono una comprensione di come i resti di cibo presentati sono stati studiati dagli archeobotanici del Museo Nazionale di Storia Naturale e dell'Università di Napoli.

Gli oggetti in esposizione, attentamente conservati sin dalla loro scoperta nelle collezioni del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, provengono dagli scavi dei siti di Ercolano e Pompei. I visitatori possono così ammirare una ventina di cibi carbonizzati durante l'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. (come spicchi d'aglio, cereali, fichi, melograni, datteri, castagne, ecc.), prodotti risultanti dalla loro trasformazione come il pane tipico del I secolo a Napoli, stoviglie e utensili da cucina. La mostra rivela anche antiche ricette romane.

Maggiori Info: http://www.museedelhomme.fr/fr/programme/expositions-galerie-lhomme/dernier-repas-pompei-4102

MOSTRA TURNER AL MUSÉE JACQUEMART-ANDRÉ

fino all'11 gennaio 2021

Il Musée Jacquemart-André, non solo un museo ricco di capolavori ma un magnifico hôtel particulier da scoprire nel cuore della Parigi haussmanniana, presenta una grande retrospettiva dedicata a Joseph Mallord William Turner, pittore e incisore inglese appartenente al movimento romantico, il cui stile pose le basi per la nascita dell'Impressionismo. L'artista occupa un posto di rilievo tra i più significativi paesaggisti di ogni tempo, nonostante la continua sperimentazione nella tecnica dell'acquerello, per renderla altrettanto duttile ed espressiva di quella a olio, e lo stato o l'aspetto di non finito di molte opere abbiano portato a contrastanti valutazioni della sua pittura. Grazie agli eccezionali prestiti della Tate Britain di Londra, che custodisce la più grande collezione al mondo delle opere di Turner, la mostra presenta 60 acquerelli e circa 10 dipinti ad olio, alcuni dei quali non sono mai stati esposti in Francia. L'esposizione ripercorre l'evoluzione artistica di Turner: dagli inizi convenzionali come paesaggista topografico e progettista architettonico alle opere della sua maturità, in cui abbraccia una straordinaria diversità di soggetti in uno stile vivace, basato su un sottile apprezzamento della luce, del colore e degli effetti atmosferici.

Maggiori info: https://www.musee-jacquemart-andre.com/fr/turner

RODIN EN SON JARDIN AL MUSÉE RODIN

dal 1° agosto al 29 novembre 2020

Il Museo Rodin si trova in uno dei palazzi del raffinato Fauborg St-Germain, l’Hotel Biron, un bellissimo edifico in stile rococò dove Auguste Rodin trascorse gli ultimi anni di vita, con un meraviglioso giardino costruito agli inizi del 1700 da Jean Aubert. La mostra guida alla scoperta di questo splendido giardino attraverso numerose fotografie esposte all'aperto che sono state spesso commissionate dallo stesso scultore, sia per garantire la sua promozione sia per documentare e approfondire il suo lavoro di scultore. Le fotografie mostrano vari momenti storici e aspetti del giardino. Tra le foto spiccano gli scatti di Jacques-Ernest Bulloz, Stephen Haweis & Henry Coles, Eugène Druet e Charles Bodmer.

Maggiori info: http://www.musee-rodin.fr/fr/exposition/rodin-en-son-jardin

CEZANNE ET LES MAÎTRES RÊVE D'ITALIE AL MUSÉE MARMOTTAN-MONET

fino al 3 gennaio 2021

Il Musée Marmottan Monet con la mostra "Cézanne et les maîtres. Rêve d’Italie" mette in evidenza il legame tra le opere di Paul Cézanne con alcuni capolavori di grandi artisti italiani realizzati tra il XVI e il XIX secolo. Così un'eccezionale selezione di dipinti del pittore francese, tra cui l'iconica Montagne Sainte-Victoire, la Pastorale e numerose nature morte, è affiancata alle opere di importanti artisti quali Tintoretto, Giordano, Carrà, Sironi, Soffici, Pirandello, Boccioni e Morandi.

In mostra circa 60 opere di artisti che hanno in qualche modo influenzato il lavoro del pittore impressionista, ma anche quelli che ne hanno tratto ispirazione. Vi sono importanti capolavori provenienti dalle maggiori collezioni pubbliche e private di tutto il mondo, tra cui il Louvre, il Musée d'Orsay, la National Gallery of Art di Washington, il Museo Nacional Thyssen-Bornemisza di Madrid, il Pola Museum of Art di Kanagawa e la Walker Art Gallery di Liverpool. Il percorso espositivo è suddiviso in due parti: la prima mostra l'impatto della cultura latina nell'opera di Cézanne; la seconda illustra l'influenza del pittore francese sui grandi maestri del Novecento italiano.

Maggiori info: https://www.marmottan.fr/expositions/cezanne-et-les-maitres-reve-ditalie/

THE WORLD OF BANKSY A L'ESPACE LAFAYETTE-DROUOT

fino al 31 dicembre 2020

Per tutti gli appassionati di street art l'Espace Lafayette-Drouot rende omaggio ad uno dei maggiori esponenti dell'arte urbana con una mostra immersiva dal titolo "The World of Banksy". I visitatori possono ammirare un centinaio di opere dello street artist più irriverente del pianeta, tra cui 42 murales, ricostruiti da una decina di street artist internazionali, e 51 opere originali dell'artista britannico provenienti da collezioni private. Tra le opere presenti si segnalano: "Kissing Coppers", che mostra il famoso bacio tra due poliziotti britannici; e "Turf War", in cui Winston Churchill si trasforma in un'icona punk con una cresta verde.

Per vivere questa esperienza immersiva nelle migliori condizioni e mantenere le distanze di sicurezza, la mostra è visitabile 3 sere a settimana: giovedì, venerdì e sabato fino alle 22:00. Un’occasione unica per rivivere il mito del writer britannico.

Maggiori info: https://www.espace-lafayette-drouot.com/project/the-world-of-banksy/

Parigi.it by Cuma Travel s.r.l.

Festival del Re Leone e della Giungla a Disneyland Paris

Fino al 13 settembre 2020

A Disneyland Paris vi aspetta un’estate ruggente e all’insegna del divertimento con il coloratissimo Festival del Re Leone e della Giungla, un’imperdibile opportunità per celebrare due Classici Disney senza tempo, Il Libro della Giungla e Il Re Leone. In programma spettacoli inediti e tante altre esperienze interattive come l’esclusivo spettacolo al ritmo incalzante ed ipnotico delle percussioni "The Lion King: Rhythms of the Pride Lands", lo spettacolo musicale "The Jungle Book Jive" con Baloo & Co., la "MataDance" di Timon e il Djembe Joy Village, un villaggio di ispirazione africana in cui il divertimento è assicurato. Infine, non potete lasciare Disneyland Paris senza provare i sapori dell’Africa al Restaurant Hakuna Matata con Topolino & Rafiki.

Non perdete l’occasione di vivere questa divertente e vivace stagione!

Maggiori Info: https://le-stagioni.disneylandparis.com/it-it/il-festival-del-re-leone-e-della-giungla

Altri eventi da non perdere a Parigi nel mese di agosto

Ad agosto sono numerosi gli eventi musicali che si svolgeranno nella capitale francese. Qui di seguito te ne segnaliamo alcuni da non perdere.

Fountains Night Show a Versailles

fino al 19 settembre 2020

Se in primavera i giardini reali di Versailles sono un must da visitare per la riapertura stagionale degli spettacoli delle fontane musicali (Musical Fountains Shows) e i Musical Gardens, in estate lo spettacolo raddoppia quando cala la notte!

Da metà giugno e per tutta l’estate, ogni sabato i Giardini di Versailles vengono trasformati per offrire uno spettacolo visivo e musicale straordinario, mentre fontane e boschetti si animano con effetti di luce colorati e drammatici. È l’appuntamento estivo Fountains Night Show con giochi d'acqua nella Fontana dello Specchio, laser che sfrecciano nell'oscurità nel Colonnade Grove e i fuochi d'artificio che concludono l'intrattenimento serale.

Ogni sabato dalle 20.30 alle 22.40, spettacoli d'acqua dalle 20.30 alle 22.45 e fuochi d'artificio dalle 22.50 alle 23.05.

FETE FORAINE DES TUILERIES

fino al 30 agosto 2020

Anche quest’anno l’elegante e centrale Jardin des Tuileries accoglie la Fête foraine des Tuileries, un piccolo luna park che riunisce una sessantina di attrazioni nel cuore di Parigi. Realizzato nel XVII secolo su progetto del famoso architetto André Le Notre, uno dei più grandi paesaggisti di tutti i tempi, il giardino è uno dei luoghi più visitati della città. La Fête des Tuileries permette ai parigini rimasti in città e ai turisti di prendersi una pausa di svago tra una visita e l’altra delle innumerevoli attrazioni: zucchero filato e mele candite riportano indietro nel tempo, la ruota panoramica regala una meravigliosa vista della città, gli autoscontri fanno la gioia dei più piccoli, crêpes e gelati deliziano il palato dei più golosi. L'ingresso al luna park è gratuito ma è previsto un supplemento per le giostre e le attrazioni.

CINÉMA EN PLEIN AIR DE LA VILLETTE

fino al 23 agosto 2020

Hai mai pensato di visitare Parigi e vedere un film sul grande schermo, comodamente seduto su un prato? In estate puoi farlo grazie al Cinéma en plein air a La Villette a Parigi. Questo evento culturale gratuito ogni estate accoglie migliaia di appassionati di cinema con un ricco programma di film francesi ed internazionali in lingua originale, nuove uscite, film cult e cortometraggi meno noti.

L'ingresso è gratuito e per chi desidera stare più comodo è possibile noleggiare sedie a sdraio e coperte, e portare perfino un picnic da consumare prima dell'inizio della proiezione. È consigliata la prenotazione.

Maggiori info: https://lavillette.com/programmation/cinema-en-plein-air-2020_e930

Parigi.it by Cuma Travel s.r.l.

L'ETÉ DU CANAL, L'OURCQ EN FÊTES

fino al 20 settembre 2020

Come da tradizione, durante l’estate il Canal de l’Ourcq si anima con la manifestazione L’Eté du canal, un appuntamento assolutamente da non perdere per tutta la famiglia. Fino al 20 settembre una serie di eventi darà nuova vita all'estate parigina. Vi aspettano balli, sport acquatici, concerti, attività culturali, crociere fluviali, feste, passeggiate e cinema en plein air. In particolare, per chi vuole godersi la capitale francese da una prospettiva diversa consigliamo un'affascinante crociera per esplorare il Canal de l’Ourcq e i paesaggi bucolici lungo la Senna-Saint-Denis e le rive della Marna.

Maggiori info: https://www.tourisme93.com/ete-du-canal/

Parigi.it by Cuma Travel s.r.l.

FESTIVAL CLASSIQUE AU VERT AL PARC FLORAL

Nei mesi di agosto e settembre il Parc Floral si anima con il Festival Classique au Vert. Per 6 weekend la musica classica riempie la magnifica cornice di questo parco mentre è in piena fioritura con i suoi bellissimi bonsai, iris, dalie, per non parlare delle sculture e delle opere in ceramica. Qui è possibile assistere a spettacoli all'avanguardia, divertenti, originali e sorprendenti, che ogni anno attirano un vasto pubblico che viene a scoprire e condividere la gioia della musica classica. E non c’è che dire: il Parc Floral è la cornice ideale per un festival così eclettico all’aria aperta. L'edizione 2020 rende omaggio alla musica nera e alla ricchezza creativa e stimolante del continente africano.

Maggiori info: https://festivalsduparcfloral.paris/

LA NUIT AUX INVALIDES

fino al 29 agosto 2020

Durante l'estate nel cuore degli Invalides, uno dei luoghi più emozionanti della capitale francese, torna l'appuntamento con La Nuits aux Invalides, uno spettacolo unico e coinvolgente a 360° che in 50 minuti ripercorre la storia di questo luogo emblematico, di Parigi e della Francia. Uno show monumentale di luci e suoni che viaggia attraverso 3000 anni di storia, dai Galli a Luigi XIV, da Napoleone ai grandi uomini e capi militari che hanno plasmato la Lutezia di ieri e la Parigi di oggi. E per prolungare il piacere, gli spettatori possono anche partecipare ad una passeggiata notturna nell'Eglise du Dome illuminata da 1.000 candele.

Non vi resta che immergervi nel cuore della storia francese grazie a questo dispiegamento tecnologico senza precedenti che offre una straordinaria esperienza immersiva.

Maggiori info: https://lanuitauxinvalides.fr/

Leggi anche